US Open: Clamoroso, Djokovic squalificato!

Incredibile a Flushing Meadow, il numero 1 del mondo e grandissimo favorito dello slam statunitense è stato squalificato per condotta antisportiva! Novak Djokovic aveva risposto sul 5-4 in suo favore e si era portato a 0-40 mancando però i tre set point e cedendo 5 punti di fila. Sul 5 pari era andato 0-30 grazie ad un dritto in contropiede di Pablo Carreno Busta che lo ha mandato rovinosamente per terra. Djokovic si è fatto male alla spalla sinistra e ha avuto bisogno delle cure del massaggiatore.

Rientrato in campo con la spalla dolorante Djokovic ha perso malamente il servizio, giocando molto in fretta i restanti tre punti. Dopo il passante che ha dato il break a Carreno Busta il serbo stizzito ha lanciato la pallina alle sue spalle, verso i teloni. Inavvertitamente ha colpito al collo una giudice di linea, che è caduta rovinosamente per terra tenendosi la gola.

A questo punto la decisione, visti anche i precedenti è stata inevitabile: Djokovic squalificato e Carreno Busta ai quarti di finale. Incredibile, nessuno dei Fab sarà presente nei quarti di finale di uno slam. L’ultima volta era successo nel 2003 proprio a Flushing Meadows. L’ATP avrà un nuovo vincitore Slam.

Di seguito il comunicato ufficiale della USTA in merito all’episodio e le motivazioni che hanno portato alla squalifica del serbo:

In base al regolamento dei tornei del Grande Slam, relativamente al gesto di aver intenzionalmente colpito la palla in maniera pericolosa e incauta all’interno del campo da gioco o con negligente noncuranza delle conseguenze, il referee del torneo ha squalificato Novak Djokovic dagli US Open 2020. A causa della suddetta squalifica, Djokovic perderà i punti sin qui guadagnati agli US Open e sarà sanzionato per l’ammontare del prize money vinto nel torneo in aggiunta a tutte le eventuali ammende applicate in relazione all’incidente incriminato“.

Il gesto di Djokovic ha ricordato quello di Denis Shapovalov in Coppa Davis. Il canadese allora subì la stessa sorte di Nole e venne squalificato. La settimana scorsa invece una cosa simile capitò a Bedene, che per stizza lanciò la palla in tribuna, colpendo un cameraman. Lo sloveno invece se la cavò con un warning.