Dr. Fauci: “Preoccupa la situazione in Kentucky”. Il torneo WTA di Lexington a rischio?

Dall’inizio dell’emergenza coronavirus abbiamo conosciuto il profilo di Anthony Fauci, immunologo e tra i volti più importanti nel campo della ricerca mondiale degli ultimi decenni, scelto a capo della task force degli Stati Uniti per cercare di combattere la pandemia.

Spesso i suoi giudizi sono entrati in contrasto con quelli del presidente Donald Trump e dei suoi più vicini collaboratori, ma Fauci sta tutt’ora cercando di diffondere sempre maggiore conoscenza ai suoi concittadini pur dovendo suo malgrado rispondere ad alcune domande come l’uso dell’idrossiclorochina tanto sbandierata dallìinquilino della Casa Bianca e senza alcuna vaga certezza scientifica o alcune teorie complottistiche che lo vedono addirittura responsabile della diffusione del contagio.

Fauci, pur con enormi problemi, sta portando avanti il suo lavoro da marzo e oggi, nella mattinata statunitense, è intervenuto in prima persona a Good Morning America, programma in diretta sulla ABC.

Sette minuti dove ha dovuto anche mettere da parte i nuovi attacchi di Trump via Twitter, che lo ha chiamato “impostore” (“Non ho Twitter, non mi interessa e non voglio nemmeno entrare in argomento. Cerco solo di fare il mio lavoro, quello per cui sono stato preparato, e di aiutare gli americani verso cui non ho mai detto alcuna falsità”).

A proposito invece dell’aumento nelle infezioni da covid-19 Fauci ha dichiarato: “Gli stati del sud hanno avuto un’importante crescita nel numero dei contagi. Florida, Texas, California, Arizona… Sembra, e voglio sperare, che loro abbiamo cominciato una fase di discesa. Quello di cui sono preoccupato ora, e come citava anche la Dottoressa Birx in precedenza, è che alcuni stati come l’Ohio, l’Indiana, il Tennessee e il Kentucky stanno cominciando ad avere segnali molto precoci che la percentuale di casi rilevati rispetto ai test effettuati stanno aumentando costantemente. Questo è un aspetto molto pesante e un segnale che devi veramente fare attenzione: se c’è l’intenzione di riaprire, vi scongiuro fatelo in modo da seguire le linee guida che abbiamo messo assieme con molta attenzione ormai diverso tempo fa. Se voi riuscite a seguirlo, se riuscirete ad avere attenzione per quelle 4-5 informazioni specifiche, potremmo riuscire a evitare l’esplosione di casi avuta nel sud del paese. Non possiamo in alcun modo permetterci una situazione del genere”.

Fauci ha nominato anche il Kentucky, stato in cui tra poco meno di due settimane è in programma un torneo WTA International alla prima edizione (precedentemente in programma a Washington) e che per l’occasione si è provvisto di un parterre stellare: Serena Williams, Venus Williams, Victoria Azarenka, Coco Gauff, Aryna Sabalenka, Garbine Muguruza, Sloane Stephens, Amanda Anisimova, per citarne alcune. È il primo torneo sul cemento USA, ma inevitabilmente le parole di Fauci fanno sorgere un grande punto di domanda che si va ad aggiungere ai tanti già sorti nelle ultime settimane soprattutto in ottica US Open.

Il Kentucky è uno stato situato nella parte centrale del paese. Non particolarmente abitato con appena 4 milioni di persone. Questo il suo andamento (i grafici sono presi da worldomerters.info) con indicata, nel grafico “Daily New Cases in Kentucky”, la media settimanale delle infezioni perché non essendo uno stato molto popoloso i numeri sono ancora perlopiù sotto le 4 cifre, ma come indica Fauci il vero problema è la quantità di persone positive al covid-19 che sta emergendo ora in relazione ai tamponi effettuati.