Si va sempre più verso la ripresa nel 2021: salta anche la Laver Cup, Federer promette che ci sarà

Gli organizzatori della Laver Cup hanno annunciato, con un comunicato ufficiale, che nel 2020 la manifestazione non avrà luogo.

Ritornerà nel 2021, sempre a Boston (dove era prevista quest’anno) dal 24 al 26 settembre. Una decisione che si è resa necessaria per le sovrapposizioni che si erano create nel calendario, con altre manifestazioni di primaria importanza, a causa delle variazioni di programma determinate dell’emergenza di Covid-19.

Non manca un attacco, velato, da parte di Tony Godsick, manager di Federer e della Team8, al Roland Garros e alla Federazione francese, che ha spostato arbitrariamente e senza nessun preavviso, il torneo parigino.

Federer, che è tra gli organizzatori, ha fatto sapere che nonostante il rinvio, sarà della partita anche nel 2021, quando avrà già tagliato il traguardo dei 40 anni: «E’ un peccato aver dovuto posticipare la Laver Cup di un anno, ma è stata la cosa giusta da fare vista la situazione – le parole dello svizzero -. Nonostante la cattiva notizia, sono felice che il TD Garden sarà la casa della Laver Cup nel 2021 e non vedo l’ora di potervi giocare per la prima volta il prossimo anno».