Barty: “Forget non mi ha chiamato per consultarmi”

La n.1 del mondo e campionessa uscente del Roland Garros ha affermato di non essere stata consultata dai piani alti del torneo per il cambio di data.

Barty trofeo Roland Garros 2019
photo credit: @Jimmie48/WTA

Ashleigh Barty non è stata consultata. Il polverone sollevato dalla FFT continua a scuotere il mondo del tennis. Dopo la conferma da parte del presidente Bernard Giudicelli di consultazioni tra i piani alti del Roland Garros e il re di Parigi Rafael Nadal riguardo lo spostamento di data dello Slam terraiolo, un altro tassello è emerso.

Infatti Ashleigh Barty, defending champion femminile del torneo, nel ribadire la naturale intenzione di voler difendere il proprio titolo a settembre, ha affermato di non aver ricevuto alcuna telefonata: “Non ho parlato con Guy Forget (direttore del Roland Garros dal 2016, ndr), ma sarò felice di giocare il torneo in qualunque momento sarà giocato”, la confessione della n.1 del mondo.

La rivelazione ha già trovato critiche illustri: a Judy Murray la disparità di trattamento dei sessi non è andata giù.