Ranking ATP/WTA: Djokovic spodesta Nadal. Kenin numero 7

Il serbo, vincitore a Melbourne per l’ottava volta, sorpassa in vetta il maiorchino. La sorprendente americana, al primo centro Slam, irrompe fra le top ten. Bencic quinta

Novak Djokovic

Novak Djokovic torna in vetta al ranking ATP. Il serbo aveva ceduto il trono a Rafael Nadal lo scorso 4 novembre, ma l’ottavo titolo agli Australian Open – con il rivale eliminato nei quarti – lo riporta davanti a tutti: 9720 i suoi punti, contro i 9395 di Rafa. Per Nole ha inizio oggi la settimana di leadership numero 276: Pete Sampras ne conta dieci in più, mentre il primatista Roger Federer è a quota 310.

Il fuoriclasse di Belgrado è stato per la prima volta numero uno il 4 luglio 2011: vi restò per cinquantatré settimane di fila. È risalito in cima per quarantotto settimane tra novembre 2012 e ottobre 2013, per centoventidue tra luglio 2014 e novembre 2016 e per cinquantadue tra novembre 2018 e lo stesso mese dell’anno passato.

In quarta posizione sale il finalista Dominic Thiem, che scavalca Daniil Medvedev: l’austriaco è ad appena ottantacinque lunghezze (7130 a 7045) da Federer, che occupa il gradino più basso del podio. Esce dalla top ten Roberto Bautista Agut (dodicesimo; – 3): a prenderne il posto nell’elite mondiale è David Goffin (decimo; + 1). Approfitta del calo dello spagnolo anche Gael Monfils (nono; + 1).

Tra i venti si segnalano la risalita di Stan Wawrinka, approdato ai quarti (13; + 2), nonché il career high di Andrey Rublev (15; + 1) e il rientro di Nick Kyrgios (20; + 6), entrambi negli ottavi. Più in basso, guadagnano parecchio Marton Fucsovics (53; + 14), piazzatosi anch’egli tra i migliori sedici, e soprattutto Tennys Sandgren (56; + 44), che ha raggiunto i quarti.

In forte calo Kei Nishikori (26; – 8), Lucas Pouille (62; – 38) e Frances Tiafoe (79; – 29): dodici mesi fa il giapponese e lo statunitense si spinsero fino ai quarti e il francese addirittura in semifinale.

Per quanto riguarda gli azzurri, Matteo Berrettini si conferma ottavo, mentre Fabio Fognini risale un gradino ed è undicesimo. Seguono Lorenzo Sonego (52; + 1), Marco Cecchinato (72; + 5 grazie alla finale nel Challenger di Punta del Este), Jannik Sinner (78; + 4), Stefano Travaglia (82; – 8), Andreas Seppi (95; – 10) e Salvatore Caruso (98; – 3).

Oltre il centesimo posto figurano Paolo Lorenzi (115; + 1), Federico Gaio (124; + 27 con il titolo a Bangkok), Gianluca Mager (133; – 16), Thomas Fabbiano (134; – 20), Alessandro Giannessi (141; + 6), Lorenzo Giustino (158; – 8) e Roberto Marcora (174; – 2).

Nel ranking WTA l’inatteso trionfo agli Australian Open consente a Sofia Kenin, finora mai oltre il n. 12, di irrompere in una top ten rivoluzionata. La giovane statunitense, al primo centro in un Major, è settima, otto posizioni più in alto rispetto all’edizione precedente della classifica.

Dietro alla salda leader Ashleigh Barty, Simona Halep, giunta al penultimo atto, sottrae la piazza d’onore a Karolina Pliskova, out al terzo turno. Al medesimo round è uscita anche la campionessa uscente Naomi Osaka, che scivola così dal quarto al decimo posto (- 6). Ad avvantaggiarsi del crollo della giapponese sono in diverse, a partire da Elina Svitolina (quarta; + 1) e Belinda Bencic (quinta; + 2): quest’ultima entra per la prima volta in carriera fra le top five.

Rimane sesta Bianca Andreescu, assente a Melbourne per infortunio. Alle spalle di Sofia Kenin troviamo Kiki Bertens (ottava; + 2) e Serena Williams, che non si sposta dal nono gradino. Esce dall’elite mondiale la finalista del 2019 Petra Kvitova, undicesima (- 3).

Notevole il recupero dell’ex numero uno Garbine Muguruza: grazie al piazzamento in finale, la spagnola mette a segno un bel + 16 divenendo giusto sedicesima. Molto bene anche Anett Kontaveit (22; + 9) e Ons Jabeur (45; + 33), giunte nei quarti, e la sensazionale teenager Cori Gauff (51; + 16), approdata agli ottavi.

Brusca discesa, al contrario, per Danielle Collins (50; – 25), semifinalista dodici mesi or sono. Ancor peggio va all’ex regina Maria Sharapova (369; – 224), mai così in basso da diciotto anni.

La leader italiana resta Jasmine Paolini, novantaquattresima (+ 2). Dietro alla toscana figurano Camila Giorgi (100; + 2), Giulia Gatto Monticone (148; + 3), Martina Trevisan (151; + 3), Elisabetta Cocciaretto (153; + 22 grazie alle qualificazioni superate a Melbourne), Sara Errani (180; + 11) e Martina Di Giuseppe (183; + 15).

I top ten del ranking ATP: 1 Novak Djokovic (+ 1), 2 Rafael Nadal (- 1), 3 Roger Federer, 4 Dominic Thiem (+ 1), 5 Daniil Medvedev (- 1), 6 Stefanos Tsitsipas, 7 Alexander Zverev, 8 Matteo Berrettini, 9 Gael Monfils (+ 1), 10 David Goffin (+ 1).

Le top ten del ranking WTA:
1 Ashleigh Barty, 2 Simona Halep (+ 1), 3 Karolina Pliskova (- 1), 4 Elina Svitolina (+ 1), 5 Belinda Bencic (+ 2), 6 Bianca Andreescu, 7 Sofia Kenin (+ 8), 8 Kiki Bertens (+ 2), 9 Serena Williams, 10 Naomi Osaka (- 6).