Australian Open, Nadal: “poco da fare, è stato bravissimo”

Cosa pensi del match? Cosa credi di aver sbagliato o che Dominic abbia fatto meglio di te?
È stato un bel match, con un livello di tennis molto alto. Siamo stati molto aggressivi anche da posizioni del campo complicate lui è stato capace di giocare dei colpi incredibili. Niente da dire, è stato bravissimo.

C’è qualcosa che ti sarebbe piaciuto aver fatto diversamente?
Certo, vincere qualche tiebreak. Ma funziona così, a volte le cose non vanno come ti piacerebbe. Ho avuto una grande chanche sul 5-3 del primo set, è stato un momento importante del match. Poi non ho giocato bene il tiebreak. Nel secondo lui ha giocato con grande determinazione, ha sempre colpito una palla in più, anche da posizioni difficili. Penso che lui abbia giocato benissimo, io non credo di aver giocato un brutto match. Ho avuto una buona attitudine, ho lottato fino all’ultimo punto, non mi sono mai arreso durante il match. Mi sono sentito meglio co le palle nuove, ho fatto due break con le palle nuove, poi diventavano pesanti e lui è giovane e corre molto veloce, diventa difficile con le palle pesanti fare dei vincenti. E poi ha una gran forza e riusciva a tirare forte da posizioni impensabili. Ho perso contro un grande avversario e lui ha meritato di vincere.

L’anno scorso a Wimbledon abbiamo visto un gran match, perso da Federer con tre tiebreak. Oggi abbiamo visto un altro grande match perso da te con tre tiebreak. Come te lo spieghi? Pensi sia questione di avere fiducia?
L’altro ieri ho vinto due tiebreak contro Kyrgios e non avevo tante spiegazioni per quello. Oggi ne ho persi tre e non ho tante spiegazioni. Probabilmente il motivo è che lui ha giocato meglio di me. In genere è per questo che si vince o si perde il tiebreak.