Australian Open, il sorteggio: Osaka e Serena Williams assieme, Halep la più sfortunata

Sorteggiato il tabellone di singolare femminile dell’Australian Open 2020 e volendo fare i primi giudizi al volo: Naomi Osaka ha forse il quarto di tabellone più intrigante e Simona Halep ha forse il peggiore perché oltre all’esordi contro Jennifer Brady, in ottima forma a Brisbane mentre lei, ad Adelaide, è apparsa ancora un po’ imballata venendo eliminata alla seconda partita contro Aryna Sabalenka, avrebbe un possibile terzo turno contro Danielle Collins, che sta distruggendo un po’ chiunque le passi accanto.

Qui il tabellone completo:

Primo quarto del tabellone

Ashleigh Barty aprirà da numero 1 del mondo nello Slam di casa contro Lesia Tsurenko. Il suo percorso non sembra proporre grandi difficoltà, tanto che forse il vero punto di domanda per i primi turni potrebbe essere come gestirà il grandissimo entusiasmo che c’è da queste parti nei suoi confronti. Lasciando stare il fatto che sia numero 1 e abbia vinto uno Slam e le WTA Finals nel 2019, la giocatrice di Ipswich è amata in una maniera genuina ed enorme fin almeno dall’anno del suo rientro alle gare. Probabilmente la vicenda personale e il passaggio al cricket hanno fatto breccia nel popolo australiano, ma è impressionante vivere dal vivo il boato e le emozioni che riescono a sprigionare i tifosi australiani verso di lei.

Se tutto filerà liscio, il suo torneo potrebbe avere la prima difficoltà vera al quarto turno contro Alison Riske, che sta giocando veramente tanto bene da diversi mesi ormai, o una tra Petra Martic e Julia Goerges, capitata come non testa di serie in una porzione di tabellone piuttosto interessante. Madison Keys, prima ancora che Maria Sakkari (malgrado poi come la greca qui si esalti per la grandissima comunità di greci a supportarla) sono le principali favorite per il quarto turno nella parte bassa. Difficile uscire da questi nomi, anche se una Daria Kasatkina particolarmente ispirata e non succube della potenza dell’americana potrebbe provare una sorpresa.

Chi uscirà tra loro avrà probabilmente Petra Kvitova. La ceca però avrà da faticare, prima cosa è vero che è finalista uscente ma già a Brisbane ha mostrato che se c’è una giornata con condizioni meteo particolari (troppo caldo o, peggio ancora, umido) è la prima che rischia di crollare. In più c’è il fattore ambientale, col rischio di dover giocare in un’aria più sporca e che lei potrebbe soffrire tanto con i soliti problemi di asma. Qualche nome che possa venire fuori, in quella zona, c’è: Ekaterina Alexandrova o Kaia Kanepi, nel caso di prematura uscita della numero 7 del seeding, sarebbero le più indicate. prenderne il posto.

Secondo quarto del tabellone:

Ahia. Naomi Osaka, Serena e Venus Williams, Cori Gauff, Dayana Yastremska, Caroline Wozniacki al tour d’addio, Sofia Kenin, Johanna Konta. Questo quarto di tabellone è pieno di nomi molto pericolosi pericolosi. Chi più chi meno, hanno tutti una storia dietro come anche Gauff, malgrado abbia appena 15 anni, che ha già battuto una Williams, nella fattispecie Venus, che per combinazione dovrà riaffrontare qui all’esordio.

Sia Gauff che Venus sono nel terzo turno di Osaka, che aprirà contro Marie Bouzkova. La ceca è prevalentemente una giocatrice difensiva e di contrattacco, che lo scorso anno ebbe una gran settimana a Toronto quando fece semifinali partendo dalle qualificazioni e diede 6-1 a Serena prima di subire il rientro dell’avversaria. La testa di serie di Barbora Strycova (32) è tra le principali indiziate a non raggiungere il terzo turno mentre Sofia Kenin (14) è grande favorita per un posto al quarto turno vista la zona al momento piuttosto favorevole e con Sloane Stephens (immersa in un periodo molto complicato) altra testa di serie.

La parte bassa è quella dominata da Serena. Da testa di serie numero 8, per il ritiro di Bianca Andreescu, può favorire di un tabellone senza grandi insidie anche perché l’avversaria di primo turno, Anastasia Potapova, viene anche lei da una fase un po’ complicata e con pochi risultati. Darà l’anima come sempre, perché questa è una delle sue qualità migliori, ma se già viene difficile pensare a una sfida equilibrata ecco che qui diventa quasi una formalità.

Wozniacki è nell’ottavo appena sopra e comincerà l’ultimo torneo della carriera contro Kristie Ahn. Molto probabilmente avanzerà al secondo turno e lì, contro Yastremska, potrebbe esserci l’ultima recita di 12 anni comunque da incorniciare. Dovesse passare, allora crescerebbero parecchio le chance di vederla magari agli ottavi di finale contro l’amica Serena.

Terzo quarto del tabellone

Ed eccoci ad Halep. Eliminata abbastanza nettamente ai quarti di finale di Adelaide mostrando una forma ancora da perfezionare, non avrà molto tempo da perdere. Contro Jennifer Brady servirà un ottimo approccio, e contro eventualmente Collins al terzo turno servirà una grande prestazione perché al di là della sfida contro Madison Keys la statunitense fin qui è volata nel 2020 e oggi ha colto il secondo successo contro una top-10 in stagione spazzando via Belinda Bencic (nella parte alta di questo quarto) ad Adelaide più o meno nello stesso modo con cui ha sgretolato Elina Svitolina. Male. Molto male.

Piccolo consiglio per quelli che sanno: Su Wei Hsieh contro Yulia Putintseva. Cerchiatela, potrebbe regalare. Cosa, però, ancora non si sa.

Nella parte alta, appunto, Bencic aprirà contro Anna Karolina Schmiedlova e se riuscirà a non sbagliare colpi i primi ostacoli veri arriverebbero dagli ottavi dove andrà incontro a una sfida comunque interessante. I nomi nella parte bassa di quell’ottavo non mancano: Donna Vekic, Iga Swiatek, Aryna Sabalenka, o perché no Maria Sharapova, o la ritirante Carla Suarez Navarro.

Quarto quarto di tabellone

Se Halep è stata molto sfortunata, Karolina Pliskova non può certo sorridere. L’esordio contro Kristina Mladenovic è fattibile ma scomodo, perché la francese può esaltarsi e diventare ostica seppure i precedenti siano quasi tutti ad appannaggio della ceca. Chi vince avrà un secondo turno da trattare con cura: Laura Siegemund o Coco Vandeweghe, che hanno scintille con entrambe. Niente male, poi, l’abbinamento al potenziale terzo turno con Anastasia Pavlyuchenkova. E con quello anche l’abbinamento al quarto turno che potrebbe variare da Marketa Vondrousova ad Angelique Kerber a Svetlana Kuznetsova e perché no, mettiamoci anche Camila Giorgi malgrado il momento poco fortunato che sta attraversando.

L’altra italiana direttamente in tabellone è subito sopra. Jasmine Paolini avrà Anna Blinkova e un possibile secondo turno contro Amanda Anisimova. Kiki Bertens è la testa di serie più alta qui, mentre Elina Svitolina la più alta nell’ottavo.