ATP Doha: Rublev fa sul serio, fuori Tsonga e Raonic

In attesa degli slam la vecchia guarda, Wawrinka permettendo, sta abbandonando i tornei minori. In questa chiave vanno lette le sconfitte di Tsonga e Raonic, teste di serie numero 3 e 4 del torneo di Doha, che hanno ceduto ai ventenni Kecmanovic e Moutet, meno acclamati di molti della ormai ex next-gen ma quasi pronti anche loro a sgomitare per sostituire la generazione dei ’90 (quella degli ’80 non c’è più, no?).  Il francese ha giocato due tiebreak impeccabili contro Raonic dopo aver un po’ sofferto in entrambi i set, anche se nei momenti complicati – il set point del primo set e il break sul 5 pari del secondo – si è andato a riprendere il match senza particolari problemi. Il serbo ha schiantato alla distanza Tsonga, che ha perso la sua occasione quando ha servito ull’8-7 del tiebreak del primo set. Perso quello Jo ha resistito un altro game e poi ha subito un parziale di 20-4 che la dice lunga sulla voglia di restare nel match.
Oltre alle teste di serie 3 e 4 sono state eliminate anche la 5 e la 6, cioè Krajinovic, che ha trovato Verdasco nella giornata in cui ad un certo punto smette di farti giocare, e Djere, che nella sfida tra giustizieri degli italiani (avevano battutto Sonego e Cecchinato) ha perso rapidamente contro Herbert, che affronterà adesso Andrey Rublev, che sembra avere intenzioni serie, forse stimolato da Medvedev più che Khachanov.

Ottavi di finale

C. Moutet b. [4] M. Raonic 7-6(4) 7-6(4)
F. Verdasco b. [6] F. Krajinovic 7-5 4-6 6-0
[Q] M. Fucsovics b. [WC] C. Ikel 6-1 6-4
M. Kecmanovic b. [3] J.-W. Tsonga 7-6(9) 6-1
P.H. Herbert b. [5] L. Djere 6-1 6-3
[2] A. Rublev b. M. Kukushkin 6-4 6-2