Sinner non si monta la testa: “Settimana perfetta ma serve continuità”

Testa bassa e pedalare. Jannik Sinner non si è montato la testa fino ad ora e vuole continuare così, senza troppi fronzoli. Il diciottenne azzurro commenta la sua vittoria alla Next Gen Finals di Milano senza farsi prendere troppo dall’emozione.

“De Minaur è un giocatore straordinario, veloce, è dura fargli il punto. Ma io ho pensato soltanto al mio gioco, a fare meno errori possibile. La mia settimana è stata perfetta, e probabilmente sì, non ho mai giocato così bene. Sapevo che era importante partire forte e,
dopo qualche problema in avvio, ho provato a utilizzare al meglio il servizio e i colpi di inizio gioco”, ha detto l’azzurro.

“Non ho mai avuto questa attenzione e questo seguito, in tribuna e dai giornalisti. A me piace, mi diverto. Non so se gente come Federer o Nadal si divertano ancora, dopo tanti anni nel Tour, ma io sono all’inizio e mi trovo a mio agio. Io nei top del mondo? No, Perché in realtà serve continuità, servirebbe una stagione intera a questo livello, cosa che io non ho ancora fatto”.