Djokovic: “Ho giocato male ma Federer è un esempio anche per me”

Dal tuo punto di vista cosa è andato storto.
Non ho fatto cose molto buone a dire il vero. Lui è stato un giocatore migliore e meritava assolutamente di vincere.
Ha servito benissimo, si è mosso bene, ha risposto molto bene. Lui ha fatto tutto bene, io ho giocato in modo troppo passivo, non riuscivo a leggere bene il suo servizio. Una partita abbastanza brutta la mia.

Durante la finale di Wimbledon erano tutti dalla parte di Roger, tu hai raccontato che ti sei detto che stavano initando “Novak”. La O2 è un ambiente più intimo, il pubblico è più vicino. La folla ti ha influenzato durante la partita?
È stata una partita importante, ogni volta che incontro Roger o Rafa in qualsiasi parte del mondo, è molto eccitante. Lo stadio era bello da vedere. Era rumoroso. Era elettrico. Una bella atmosfera.

All’inizio del secondo set, è sembrato che avessi un po’ di dolore al gomito. È simile al tuo vecchio problema? È qualcosa di cui dovremmo preoccuparci? Farai la Coppa Davis la prossima settimana?
Sì, beh, spero non sia qualcosa che mi impedisca di giocare a Madrid. Sai, il dolore era piuttosto acuto.
Ma ho potuto giocare il resto della partita, se avessi qualcosa di veramente serio che non sarei stato in grado di reggere la racchetta. Probabilmente è stato solo un cattivo movimento che ho fatto.

I tre set di martedì hanno avuto qualche influenza sulla performance di oggi?
Forse. Forse no. Non lo so. Mentalmente è stato difficile perdere una partita del genere poche notti fa. Ho iniziato questo torneo in modo incredibile, mi sentivo benissimo. Avevo appena vinto Parigi giocando davvero bene. Roger ha probabilmente percepito che mi sentivo un po’ diverso in campo e non ero sicurissimo, e ne ha approfittato molto bene.

Quanto è straordinario che uno possa giocare ancora così a 38 anni? All’inizio si muoveva benissimo e anche in altri sport, come il calcio, di solito a 38 anni non riescono a farlo così facilmente. Cosa pensi di questo?
Beh, mi motiva, mi mostra che è possibile (sorridendo). Ho la massima ammirazione per lui e per tutto quello che sta facendo in campo. Ciò che ha ottenuto negli anni e ciò che sta ancora mostrando in campo è fenomenale. È un modello anche per me che sono uno dei suoi rivali e lui è uno degli avversari più difficili che ho avuto nella mia carriera. Ma guardare la sua carriera e quello che sta ancora facendo, ti ispira.