ATP Parigi-Bercy: infortunio e forfait per Nadal, Finals a rischio

D. Shapovalov b. [2] R. Nadal Walkover

Rafa Nadal si ritira dal torneo di Parigi-Bercy. A pochi minuti dalla seconda semifinale, che lo spagnolo avrebbe dovuto disputare contro il canadese Denis Shapovalov, è arrivato l’annuncio del forfait a causa di un infortunio. Un problema agli addominali accusato nel riscaldamento pre-gara che ha portato alla decisione di non giocare il match odierno.

Una brutta tegola per Rafa, che peraltro da lunedì torna numero 1 del mondo. Preoccupazione soprattutto in vista delle ATP Finals, al via tra soli otto giorni: in caso di infortunio di seria entità Nadal sarebbe costretto a rinunciare all’appuntamento di fine anno per l’ennesima volta.

Il 12 volte campione al Roland Garros in carriera ha dovuto dare forfait al Master in ben 6 occasioni, la sua ultima apparizione risale al 2017, quando disputò un solo match per poi abbandonare il torneo sempre per i problemi fisici. Quasi una maledizione dato che il titolo di Maestro è l’unica vera mancanza in una carriera leggendaria.

L’assenza a Londra metterebbe fortemente in discussione anche la prima posizione in classifica appena riconquistata: Djokovic al momento ha 1040 punti di svantaggio, se vincesse il torneo di Parigi-Bercy la distanza si accorcerebbe fino a 640. A quel punto gli basterebbe disputare la finale alle Finals (vincendo almeno due partite nel girone) per riprendersi il trono ATP.

“Stava andando tutto bene questa settimana e sono davvero triste in questo momento – dice Nadal in conferenza stampa -. Durante il riscaldamento stamattina avevo buone sensazioni, ma quando ho colpito uno degli ultimi servizi ho avvertito uno strappo agli addominali. Mi sono immediatamente consultato con il dottore e abbiamo deciso di tornare in campo più tardi per vedere come era la situazione. Quando ho provato a servire nel pomeriggio, mi sono accorto che avevo dolore, quindi il medico mi ha consigliato di non prendere rischi e sono stato obbligato a prendere questa decisione difficile“.

Ci sarà a Londra? “La verità è che non sono in grado di dare una risposta ora. Dagli esami che ho eseguito non è ancora chiara l’entità del problema, credo che ci vorrà qualche giorno. In ogni caso, adesso tornerò a casa e farò tutto il possibile per essere pronto per Londra. Sono molto rammaricato per come si è conclusa questa settimana, soprattutto perché ero soddisfatto del livello espresso negli ultimi giorni. Devo accettarlo e rimanere positivo“.

Aspettando notizie più precise sull’infortunio di Rafa, Shapovalov può festeggiare un traguardo importante: disputerà la sua prima finale in un Masters 1000, appena la seconda in assoluto nel circuito dopo quella vinta poche settimane fa a Stoccolma.