ATP Stoccolma: Shapovalov alla prima finale in carriera

Mentre tutti parlano giustamente di Sinner, uno dei ragazzi d’oro della next generation rompe la maledizione delle semifinali e approda alla sua prima finale in carriera. Denis Shapovalov ha finalmente rotto il ghiaccio a Stoccolma – e dove sennò? – superando abbastanza agevolmente il giapponese Yuchi Sugita in meno di 80 minuti. Shapovalov ha rischiato qualcosa nel primo set, quando si è trovato sotto per 4-2, ma ha recuperato subito il break e poi ha evitato le insidie del tiebreak chiduendo al dodicesimo game. Secondo set che è andato via ancora più liscio per il canadese, che da lunedì tornerà in top30, lui che è stato anche numero 20.
La finale il canadese la giocherà contro Filip Krajinovic che come era prevedibile ha faticato molto contro Carreno-Busta. Lo spagnolo si è aggiudicato il primo set ma ha cominciato malissimo il secondo, scivolando subito 0-4. Ha parzialmente recuperato ma ha poi ceduto il set per 6-3. Nel terzo Carreno-Busta si è difeso strenuamente, salvandosi sia nel primo che nel terzo game, ma è diventato sempre meno incisivo in risposta, così è sembrato naturale il break dell’ottavo game che ha deciso il match.

Per Krajinovic si tratta della terza finale in carriera, dopo quelle di Bercy nel ’17 e di Budapest, contro Berrettini, quest’anno, partite chiuse con due sconfitte dopo essere stato avanti di un set.

Semifinali

[4] D. Shapovalov b. [LL] Y. Sugita 7-5 6-2
F. Krajinovic b. [5] P. Carreno-Busta 4-6 6-3 6-3