WTA Linz: Sharapova in Austria dopo 13 anni, presente Giorgi campionessa in carica

photo credit: Jimmie48/WTA

L’ultima volta di Maria Sharapova a Linz fu nel 2006. La scelta di tornare nella cittadina austriaca 13 anni dopo non può non rievocare un po’ di nostalgia ripensando a una WTA che a conti fatti non c’è più.

Lei neanche aveva 20 anni, il torneo era molto ben popolato dalle big anche grazie a un calendario che non soffocava la parte indoor europea come invece accade ora, inserito a sandwich in una porzione di calendario molto scomoda. Subito dopo il Premier Mandatory di Pechino, subito prima delle WTA Finals di Shenzhen, vedere le prime giocatrici del ranking fare Asia-Europa-Asia è una piccola utopia, a meno che qualcuna non abbia bisogno di punti per arrivare al Master di fine anno.

Quest anno però, con l’ultimo grande appuntamento per le migliori 8 del mondo spostato di una settimana si vuole provare anche a ridare slancio, a poco a poco, a un torneo come Linz che vuole sfruttare la possibilità di qualche grande nome da proporre in un evento sempre molto apprezzato dal pubblico per la sua atmosfera particolare. Stadio piccolo, impianto abbastanza comodo da raggiungere nei vari angoli e quella tipica sensazione da torneo indoor dove tutto diventa un po’ più racchiuso e vicino ai fan. Così, la possibilità per gli organizzatori di poter avere anche Sharapova diventa un jolly fondamentale e la poca voglia della russa di tornare in Asia (da dove manca in questa parte di stagione dal 2017) sta facendo il resto.

Oltre a lei, è presente nella entry list anche Camila Giorgi. L’azzurra è cliente abitudinale da quelle parti e dopo la finale del 2014 persa contro Karolina Pliskova si è potuta rifare lo scorso anno superando Ekaterina Alexandrova e prendendosi il secondo titolo in carriera. Gli altri nomi già annunciati sono: Marketa Vondrousova (su cui però pende ancora la decisione dei medici per i problemi al polso di cui ancora la ventenne ceca soffre dalle prime partite sull’erba), Kristina Mladenovic, Barbora Strycova e la wild-card locale Barbara Haas.