ATP Tokyo: Sonego ci mette tanta voglia ma alla fine vince Chung

Il Rakute Open di Tokyo rimane senza italiani ma difficilmente se ne accorgeranno in estremo oriente. D’altra parte l’altro rappresentante tricolore che si era spinto fin lì, Thomas Fabbiano, non aveva superato il primo turno di qualificazione, racimolando appena cinque game. Con questi parametri è andata sicuramente meglio a Sonego, che ha giocato un buon match, molto volitivo e che avrebbe meritato forse sorte migliore. Ma anche Chung, in una pausa dai suoi problemi fisici, ha fatto il suo e quindi alla fine il risultato è quello giusto, come spesso succede nel tennis. Sonego ha sorpreso il coreano in avvio di partita, andando rapidamente sul 3-0 e tenendo i suoi servizi fino alla conquista del set, nonostate Chung in risposta riuscisse a non lasciarlo mai troppo tranquillo. Il coreano però arrivava alla sua prima palla break solo a metà del secondo set, quando Sonego calava un po’ con la prima e stavolta non riusciva a salvarsi Nel frattempo Chung aveva anche messo a posto la sua, di prima, e per il piemontese è stato complicato già arrivare a 30 in risposta. Con questi chiari di luna è stato già bravo Sonego ad aggrapparsi coi denti al match, ma la fatica a leggere e organizzare una risposta adeguata al servizio del coreano faceva tutta la differenza del mondo, perché appena è arrivato il secondo calo, quello del break decisivo, Sonego è solo riuscito ad allungare il match, che però non era più in discussione. Chung chiudeva al secondo match point con il solito servizio che Sonego non controllava. Peccato, però fa bene Sonego a esplorare terreni insoliti, perché i colpi per fare male ce li ha, speriamo riesca a quadrarli rapidamente.

Primo turno

[WC] G. Soeda b. J.L. Struff 4-6 7-6(4) 6-3
Y. Nishioka b. J. Sousa 7-5 6-3
[5] L. Pouille b. H. Hurkacz 6-4 6-3
H. Chung b. L. Sonego 3-6 6-3 6-4
[6] M. Cilic b. [WC] Y. Sugita 6-4 6-4