ATP Umago: Sinner è già grande, Cecchinato in caduta libera

Jannik Sinner

Ancora un’ottima prestazione di Jannik Sinner che dopo la delusione di Wimbledon ha ricominciato il suo percorso di crescita usufruendo di una wild card assegnatagli dall’ATP di Umago. Il giovane altoatesino, che sembra destinato ad una carriera diversa di quella del suo conterraneo  Andreas Seppi, ha anche stavolta scontato un inizio partita timido, durante il quale non ha trovato contromisure sul servizio del numero 109 del mondo e ha subito un parziale di 8 giochi a 1 che poteva essere definitivo. Invece Jannik ha tenuto con fatica il terzo game, concedendo un’altra palla break che a quel punto sarebbe stata decisiva, e poi ha cambiato passo, vincendo cinque game di fila e quindi il secondo set. Come era naturale il terzo set è stato più equilibrato ma di nuovo al quinto game sembrava che Sinner potesse riprendere il sopravvento, ma credendo di aver chiuso la questione si è distratto e ha rimesso in partita il portoghese. La grande battaglia del nono game è stata decisiva e Sinner l’ha vinta al terzo break point, stavolta non distraendosi nel game decisivo e chiudendo con una certa facilità.
Per Sinner adesso c’è l’ingresso nella top200 mentre non ci sarà purtroppo il derby con Cecchinato. Il palermitano è entrato in una specie di buco nero, e ha perso malamente contro Bedene, cosa che lo farà uscire dalla top50 lunedì prossimo. Poco da dire sulla partita, che è durata quattro game e poteva durare anche meno, a questo punto è meglio lasciare in pace il ragazzo e sperare che allontani da se le pressioni sulle sue prestazioni. Sarà dura riabituarsi alla vita prima di Parigi ’18 ma prima ci riesce meglio sarà per lui.

Oggi ci saranno quattro italiani in campo, ma non Fognini che esordirà con calma domani.

 

Primo turno

J. Vesely b. C.-M. Stebe 7-6(5) 3-6 7-6(2)
A. Bedene b. [5] M. Cecchinato 6-3 6-2
[WC] J. Sinner b. P. Sousa 1-6 6-3 6-4