ATP Queen’s: nella pioggia Cecchinato perde ancora, del Potro vince e se ne va

Piove a Londra, chi l’avrebbe mai detto?, e dopo la giornata di ieri buttata alle ortiche oggi si è giocato un po’, anche se siamo ancora lontani dall’aver completato il primo turno e domani è già giovedì. Ce l’ha fatta a finire Juan Martin del Potro, che ha superato uno Shapovalov in un momento di carriera non troppo felice, cosa abbastanza naturale alla sua età. L’argentino ha mostrato la solita tigna, salvandosi all’undicesimo game per poi brekkare in quello successivo. Servizio e dritto sono stati più che sufficienti per avere ragione del giovane canadese, giunto alla quarta sconfitta di fila. Purtroppo per del Potro la partita è finita con il ginocchio gonfio e dolorante e gli accertamenti post match gli hanno consigliato di non rischiare in vista di Wimbledon. Feliciano Lopez, che aveva anche lui chiuso il match di primo turno, si trova così direttamente ai quarti di finale, dove troverà il vincente del match tra Bedene, che ha superato de Minaur, e Raonic, che ha concesso solo cinque game a Marco Cecchinato. Del resto non era questa la partita da cui partire per una nuova fase della carriera per il palermitano, sceso al numero 40 del mondo. Raonic sull’erba lo possono fermare in pochi se non ci si mettono gli infortuni e tra questi difficilmente ci sarà mai Cecchinato. Sconfitta tutto sommato più che onorevole, se consideriamo che nel primo set Cecchinato ha avuto anche una palla break prima di cedere il servizio a zero nell’ottavo game. È stato il segnale del crollo, perché Cecchinato ha tenuto il primo servizio del secondo set e poi ha cominciato una via crucis finita come doveva, riuscendo solo un’altra volta a vincere un game, dopo aver salvato un primo match point.

Hanno fatto in tempo a finire anche Wawrinka e Pouille, che hanno battuto due britannici, Daniel Evans e tale Jay Clarke, numero 164 del mondo. Sospesa la partita di Tsitsipas coll greco avanti di un set, mentre Kyrgios non è neanche sceso in campo, cosa che ha consentio a Mannarino, fresco vincitore in Olanda di chiarirsi le idee e lasciare il posto a Carballes Baena.

Primo turno

J. Chardy b. M. Kukushkin 6-1 6-3
[3] J. M. del Potro b. D. Shapovalov 7-5 6-4
[WC] F. Lopez b. M. Fucsovics 7-6(4) 6-3 6-4
[Q] A. Bedene b. A. de Minaur 3-6 6-4 6-4
[6] M. Raonic b. M. Cecchinato 6-3 6-2
L. Pouille b. [WC] J. Clarke /-6(2) 6-1
[7] S. Wawrinka b. [WC] D. Evans 6-3 6-4