WTA Miami: Halep e Kvitova volano, si accende la corsa al numero 1 del mondo

photo credit: Jimmie48/WTA

Simona Halep e Petra Kvitova sono entrambe ai quarti di finale del WTA Premier Mandatory di Miami. Ora sì, possiamo ufficialmente considerare aperta la caccia al numero 1 del mondo del tennis femminile.

La corsa di Naomi Osaka si era fermata sabato scorso contro la strepitosa Su Wei Hsieh di questo periodo, ma era ancora presto per delineare gli scenari. Adesso che sia la ceca che la rumena hanno raggiunto i quarti di finale, tra l’altro con l’identico punteggio nelle due vittorie (6-3 6-3), possiamo mostrare quello che potrà essere lo sviluppo del torneo in Florida: se una delle due dovesse raggiungere la finale, diventerebbe la nuova numero 1 del mondo; in caso di confronto in finale l’una contro l’altra, la vincente sarà la nuova leader.

Ha aperto Petra, contro Caroline Garcia, e malgrado una lunga interruzione per pioggia sul 6-3 5-2 in suo favore non ha rovinato il ritmo di una giornata che era subito cominciata nel migliore dei modi. Pochi minuti dalla ripresa e la pratica è stata archiviata con anche un ottimo saldo tra vincenti ed errori gratuiti: 26 e 19. Un +7 che dice tanto della sua prova odierna, ma che adesso dovrà segnare la base su cui impostare i prossimi due incontri. Ashleigh Barty è una delle sue vittime preferite quest anno, con un 2-0 netto tra la finale di Sydney e i quarti di finale dell’Australian Open. In un’eventuale semifinale, due avversarie che potrebbero farla sudare parecchio: contro Anett Kontaveit, che ha interrotto la serie di 10 successi consecutivi di Bianca Andreescu, ha spesso faticato tra terra e cemento, perdendo anche 3 volte (l’ultima a inizio anno, a Brisbane), e contro Hsieh c’è il ricordo fresco di una durissima semifinale a Dubai.

Simona, invece, ha spazzato via Venus Williams in un match che è stato abbastanza comodo se non per due momenti a inizio e fine match. Nel primo caso aveva già messo due break tra se e la sua avversaria, gestendo il parziale ritorno da 3-0 a 3-2 e mantenendosi quasi perfetta alla battuta, nel secondo invece ha salvato una palla break proprio quando doveva chiudere il match, sul 5-3 e servizio. Alla fine, comunque, malgrado la fasciatura al ginocchio Halep sta facendo egregiamente il suo dovere, alla ricerca oltretutto del primo titolo stagionale. Per lei adesso Qinag Wang, che ha sconfitto Yafan 7-5 6-4. Poi, nell’eventuale semifinale, chi la spunterà tra Karolina Pliskova e Marketa Vondrousova, rispettivamente vincitrici contro Yulia Putintseva (2-6 6-3 7-5) e Tatjana Maria (6-4 6-3).

Tra le altre partite, dicevamo, c’è l’ennesimo risultato di rilievo di Su Wei Hsieh. Caroline Wozniacki è diventata la sesta giocatrice attualmente o passata per il numero 1 del mondo a cadere sotto i numeri da prestigiatrice della tennista di Taipei, che per la prima volta in carriera arriva ai quarti di finale in un Premier Mandatory e lo fa con pieno merito nel 6-3 6-7(0) 6-2 conclusivo. Piccolo particolare: perso il secondo set lasciando 11 punti consecutivi alla danese, è ripartita nel terzo infilandone a sua volta altri 11 a suo favore. Da lì in parziale di 4 game consecutivi che ha spezzato definitivamente la partita a suo favore. Infine, Ashleigh Barty ha rimontato Kiki Bertens, sconfitta 4-6 6-3 6-2. Una semifinale darebbe all’australiana la certezza di diventare top-10, o a questo punto anche una sconfitta di Qiang Wang prima del successo in finale.

Risultati odierni

[27] S. W. Hsieh b. [13] C. Wozniacki 6-3 6-7(0) 6-2
[21] A. Kontaveit b. B. Andreescu 6-1 2-0 rit.
[3] P. Kvitova b. [19] C. Garcia 6-3 6-3
[12] A. Barty b. [7] K. Bertens 4-6 6-3 6-2
[5] Ka. Pliskova b. Y. Putintseva 2-6 6-3 7-5
M. Vondrousova b. T. Maria 6-4 6-3
[18] Q. Wang b. Y. Wang 7-5 6-4
[2] S. Halep b. V. Williams 6-3 6-3