ATP Shanghai: Coric si ripete, sconfitto ancora Federer. Finale contro Nole

[13] B. Coric b. [1] R. Federer 6-4 6-4

Borna Coric l’ha fatto di nuovo, ha battuto per la seconda volta in carriera Roger Federer dopo aver espugnato la sua fortezza verde in quel di Halle. Davvero poco da fare oggi per lo svizzero, evidentemente in difficoltà a stare dietro al ritmo forsennato imposto fin da subito dal più giovane avversario.

L’apertura di primo set è traumatica per Federer che si ritrova in un attimo sotto 0-40, prima di cedere il servizio alla terza palla break. Coric ha le idee chiare sul da farsi, ovvero tenere lo svizzero lontano dalla riga di fondo ed impostare gli scambi sulla diagonale di rovescio. Normalmente questo è lo schema generale di chi affronta lo svizzero, che tuttavia riesce spesso a spezzare i palleggi con anticipi di rovescio vincenti e giravolte per colpire di dritto. Non è però oggi il caso, in quanto Federer appare appannato fin dai primi scambi, poco attento alla ricerca della palla ed estremamente falloso dalla parte sinistra del campo. Coric impatta bene, serve molte prime, fa muovere Federer e di tanto in tanto trova qualche accelerazione bruciante con il rovescio incrociato. Federer vince in risposta solamente cinque punti e Coric non può che incassare il primo set per 6-4.

Nuovo parziale, ma storia vecchia. La prima di servizio dello svizzero continua a latitare e ciò consente al croato di rendersi pericoloso pur avendo leggermente rallentato l’intensità dei colpi. Ora Federer riesce a gestire lo scambio facendo muovere Coric, ma il numero 13 del seeding è difficile da sfondare, in quanto riesce a ribattere colpo su colpo. Ancora break in apertura e l’inerzia del match scivola sempre più in direzione croata. Coric rischia poco in battuta, spesso trovandosi sopra 40-0 e limitandosi a subire un’estemporanea risposta vincente di Federer o un chip&charge ben eseguito. Per il resto, poco altro. Il croato va a servire per il match sul 5-4 ed è in questo game che si intravede un barlume di resistenza da parte di Federer, che prova a disorientare l’avversario con una serie di back, prevalentemente sul dritto. Coric ritrova però la prima di servizio nel momento critico e riesce a chiudere il match con un bel passante di dritto sull’ennesima avventura a rete dello svizzero.

Grande prova di Borna Coric, che potrà giocare la finale di un  Master 1000 contro il tennista a cui è stato paragonato fin dai primissimi esordi, Novak Djokovic. I pronostici sono chiaramente tutti dalla parte del serbo, ma l’alto livello mostrato oggi dal croato potrebbe lasciare aperta la porta ad una possibile sorpresa.
Termina invece la settimana cinese di Roger Federer, che probabilmente rivedremo in azione direttamente alla ATP Finals di Londra, senza passare per Parigi.