Challenger Milano, l’Italia perde ancora pezzi: eliminato Giustino, sarà derby Quinzi-Arnaboldi.

È fuori anche il napoletano Lorenzo Giustino per mano di Joao Domingues, che ha vinto per 7-6(4) 6-2 dopo che l’italiano sul 5-3 ha avuto anche la chance di servire per il set, ma tutto è andato perso e alla fine al tie break sono stati decisivi due mini break a favore del portoghese.
Avanza anche il numero 1 del seeding, Laslo Djere, che manda a casa Zapata-Miralles col punteggio di 6-4 6-3. Dopo la rabbiosa vittoria contro Baldi, lo spagnolo non è riuscito a trovare tanta continuità al servizio, con un primo game infinito che è andato via alla ottava palla break. Tuttavia anche Djere non ha servito bene nel primo parziale, tanto da perderlo due volte ma da riuscire a portare comunque il set a casa per la resa ancor peggiore dello spagnolo.
Dutra da Silva batte Grenier grazie a due rimonte, la prima da 0-3 a 5-3 nel primo set, e la seconda da 0-2 a 2-2 nel secondo. Inoltre Krstin rifila un doppio 6-4 a Bourgue e giocherà con il brasiliano Da Silva. I due quarti di finale per adesso sono quindi  Djere-Domingues e Krstin-Dutra da Silva, e li vedremo dopodomani nella giornata di venerdì. Oggi invece ci saranno 4 incontri: Mager-Monteiro, de Bakker-Vilella Martinez, Gaio-Sousa e a chiudere il match tutto tricolore Arnaboldi-Quinzi, con il rammarico di doverli vedere contro già agli ottavi, vista la bella partita del primo contro Griekspoor.