Ostapenko, un rientro in patria da star

1. La fotogallery

2. Il racconto

La vita di Jelena Ostapenko è cambiata. Il successo maturato al Roland Garros l’ha proiettata nella storia sportiva del proprio paese, se non proprio a livello mondiale. Quella stessa Lettonia che sabato ha festeggiato il primo titolo Slam della sua storia maschile e femminile ieri sera ha accolto a braccia aperte il suo rientro in patria. Gli onori sono cominciati già al momento della salita sull’Air Baltic che da Parigi l’ha riportata a Riga

Al rientro a Riga, invece, un tappeto rosso di una ventina di metri l’ha accompagnata dall’uscita dell’aereo fino all’ingresso nel terminal, lungo il percorso decine le persone che l’hanno fermata per porgerle un mazzo di fiori e salutarla. All’uscita, poi, il bagno di folla completo con tanto di speaker ad annunciare alle persone il suo arrivo e poi a chiedere di intonare alcuni cori tra cui (il secondo nel video) “numero 1! numero 1!”.

“È un piacere enorme per me essere qui oggi, è bellissimo essere a casa. Siete stati così carini ad aspettarmi qui, grazie mille”.

Qui il video completo del suo arrivo in aeroporto