Ranking ATP/WTA: Sascha Zverev irrompe fra i top ten. Svitolina numero 6

Campionati Internazionali BNL d'Italia - Foro Italico - Roma

La Next Gen irrompe nell’elite del ranking mondiale. A vent’anni compiuti da un mese Alexander Zverev, vincitore a Roma del primo Masters 1000 in carriera, fa breccia fra i top ten, guadagnando ben sette posizioni rispetto a lunedì scorso e scalzando David Goffin dalla decima piazza. Sascha, che nella Race è addirittura numero 4 (dietro ai soli Nadal, Federer e Thiem), è il sesto giocatore del suo Paese a entrare fra i primi dieci dopo Boris Becker, Michael Stich, Tommy Haas, Nicolas Kiefer e Rainer Schuettler.

Dalla nascita del computer ATP vi sono stati venti tennisti in età più verde di Zverev capaci di ottenere un posto fra i top ten (Krickstein, Chang, Becker, Wilander e Borg addirittura prima di divenire maggiorenni). Nelle ultime stagioni, però, la tendenza si è invertita, tanto che, per trovarne uno leggermente più giovane del tedesco, bisogna risalire al 6 ottobre del 2008, quando Juan Martin Del Potro, che aveva festeggiato il ventesimo compleanno tredici giorni prima, fece suo il nono posto, in seguito alla finale raggiunta in quel di Tokyo. Proprio l’argentino, che al Foro Italico è giunto nei quarti, diviene oggi trentesimo (+ 4): non compariva fra i primi trenta dall’ottobre 2014.

Più in basso, notevoli le avanzate di Steve Darcis (38; + 12) e Vasek Pospisil (82; + 24), vincitori rispettivamente dei Challenger di Bordeaux e Busan. Per il belga, tre volte nei quarti in eventi del circuito maggiore da inizio anno, si tratta del career high.

Tra gli azzurri Fabio Fognini si conferma ventinovesimo, mentre perdono colpi Paolo Lorenzi, trentaquattresimo (- 1), e soprattutto Andreas Seppi, ottantatreesimo (- 7). Oltre il centesimo posto troviamo Thomas Fabbiano (103; – 2), Marco Cecchinato (104; + 1), Alessandro Giannessi (108; 0), Luca Vanni (120; + 1), Federico Gaio (158; + 2), Stefano Travaglia (159; + 2), Lorenzo Giustino (175; + 11 grazie al piazzamento in semifinale di Heilbronn), Stefano Napolitano (185; – 4) e Salvatore Caruso (196; + 2).

Le novità di rilievo non mancano neppure nel settore femminile. Il titolo conquistato agli Internazionali d’Italia fa compiere a Elina Svitolina un balzo in avanti di ben cinque gradini: l’ucraina è ora sesta, suo record personale. Ancor più clamorosi i progressi di Elina nella Race, in cui passa direttamente dall’undicesima alla prima posizione, scalzando di prepotenza dalla vetta quella Karolina Pliskova da lei eliminata nei quarti.

Tornando comunque alla graduatoria su base dodici mesi, giusto davanti alla Svitolina troviamo Garbine Muguruza, quinta (+ 2) dopo aver confermato la semifinale di dodici mesi or sono. Perdono due posti ciascuna, invece, Dominika Cibulkova (settima), Johanna Konta (ottava) e Caroline Wozniacki, che esce dalla top ten ed è dodicesima.

Scorrendo la classifica vanno segnalati i notevoli balzi in avanti compiuti da varie giocatrici capaci di superare le qualificazioni al Foro: Daria Gavrilova (25; + 8) e Anett Kontaveit (52; + 16), poi giunte nei quarti, Mona Barthel (47; + 13), fermatasi agli ottavi, nonché la teenager rampante Catherine Bellis (46; + 7) e la cinese Qiang Wang (50; + 7), giunte al secondo turno, che effettuano per la prima volta l’ingresso fra le top fifty.

Per quanto riguarda le italiane, Roberta Vinci, scesa al trentatreesimo posto (- 3), precede Francesca Schiavone (76; + 1), Sara Errani (91; – 1), Camila Giorgi (99; – 1), Karin Knapp (161; + 3) e Jasmine Paolini (197; 0).

I top ten del ranking ATP: 1 Andy Murray, 2 Novak Djokovic, 3 Stan Wawrinka, 4 Rafael Nadal, 5 Roger Federer, 6 Milos Raonic, 7 Dominic Thiem, 8 Marin Cilic, 9 Kei Nishikori, 10 Alexander Zverev (+ 7).

Le top ten del ranking WTA: 1 Angelique Kerber, 2 Serena Williams, 3 Karolina Pliskova, 4 Simona Halep, 5 Garbine Muguruza (+ 2), 6 Elina Svitolina (+ 5), 7 Dominika Cibulkova (- 2), 8 Johanna Konta (- 2), 9 Svetlana Kuznetsova (- 1), 10 Agnieszka Radwanska (- 1).