Internazionali d’Italia, l’incognita Federer non frena il pubblico: +11% di biglietti venduti

Una entry list di assoluto valore e il grande entusiasmo degli appassionati, dimostrato dai dati del botteghino.

A meno di un mese dall’inizio degli Internazionali d’Italia di tennis, fissato ufficialmente per lunedì 6 maggio con le pre-qualificazioni al Foro Italico, il numero dei biglietti venduti è superiore dell’11% rispetto allo scorso anno.

Il combined event romano è stato presentato questa mattina, eccezionalmente a Palazzo Chigi, alla presenza del sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo sport Giancarlo Giorgetti, del sindaco di Roma Virginia Raggi, del presidente del Coni Giovanni Malagò e del numero uno della Federtennis Angelo Binaghi. «Grazie per averci ospitato in un luogo così prestigioso – ha dichiarato il presidente della Fit rivolgendosi a Giorgetti – Quest’anno contiamo di battere il record del 2017: ci aspettiamo di avere oltre 220 mila spettatori paganti per un incasso superiore ai 12 milioni di euro. Per fare un paragone, Juventus-Milan, la partita dello scorso campionato con l’incasso maggiore, ha raccolto 5 milioni di euro».

«Credo che tutti gli italiani e gli sportivi siano legati a questo evento, che rappresenta il fiore all’occhiello di tutta una serie di manifestazioni organizzate in Italia – ha sottolineato Malagò – Oggi qui ci sono le istituzioni sportive, il comune di Roma e il governo: quando siamo tutti uniti e remiamo nella stessa direzione siamo imbattibili». Sui campi del Foro Italico sono attesi i migliori giocatori al mondo, da Novak Djokovic e Rafael Nadal fino a Serena Williams e alla numero uno Naomi Osaka.

Tre gli italiani già in tabellone: Marco Cecchinato e Fabio Fognini nel maschile, Camila Giorgi nel femminile, ma a Roma ci saranno anche Andreas Seppi, Matteo Berrettini, Sara Errani e tanti altri azzurri tra qualificazioni e tabellone principale. «L’unica incognita resta Federer – ha ammesso Binaghi – Speriamo di riaverlo a Roma, dove peraltro non ha mai vinto, ma il torneo può superare la sua assenza, come ha fatto negli ultimi due ann».

«Gli Internazionali sono una vetrina formidabile per la città di Roma in una location suggestiva come il Foro Italico, peraltro la prima tappa di una serie di eventi che la capitale ospiterà nei prossimi mesi», ha ricordato Giorgetti, mentre la Raggi ha annunciato “importanti novità” sulla copertura del Centrale, attesa sin dal momento dell’inaugurazione dell’impianto nel 2010: «Siamo in dirittura d’arrivo – ha spiegato il sindaco di Roma – abbiamo dribblato tutti gli ostacoli per far sì che la struttura possa vivere dodici mesi l’anno».