Bouchard, che succede? In Canada annunciano: “Ha preso una pausa dal tennis per guarire”

La giornalista canadese Stephanie Myles ha scritto pochi giorni fa sul sito web tennis.life che Eugenie Bouchard ha deciso per una pausa dal tennis e, riportando una fonte, ha motivato con “una pausa per guarire”. L’ex numero 5 del mondo, al momento appena dentro le prime 80 della classifica WTA, ha giocato le sue ultime partite a Indian Wells e Miami, dove ha perso al primo turno in entrambi i tabelloni: in California in quello principale, in Florida in quello delle qualificazioni.

Non c’è ancora certezza sull’affermazione della giornalista perché manca la conferma ufficiale della diretta interessata, o di qualcuno tra il team e la famiglia, ma qualche segnale si potrebbe trovare analizzando l’ultimo periodo, quantomeno in termini di tornei nella sua programmazione. Subito dopo la sconfitta contro Kirsten Flipkens in California si è cancellata dal WTA 125k di Guadalajara, poi dopo quella contro Naomi Hibino in Florida si è tolta da Monterrey e, pochi giorni dopo, da Bogotà.

La rapidità degli ultimi 2 forfait può essere oggettivamente sospetta, perché in una condizione normale indica che ci sia sotto qualcosa, come per esempio un infortunio di non poco conto. È vero che vicino c’è un importante weekend di Fed Cup dove il Canada andrà a far visita alla Repubblica Ceca per giocarsi il posto nel World Group, e dunque il viaggio in Colombia diventa abbastanza inutile se vorrà difendere i colori del proprio paese, ma è altrettanto vero che sempre secondo quello che riporta Myles il suo coach e il preparatore atletico non sono con lei a Montreal ma si troverebbero a Londra. “Guarire” dunque, ma da cosa? A Indian Wells ebbe bisogno di farsi visitare prima dalla fisioterapista e poi dal medico. Le venne misurata la pressione del sangue e la saturazione dell’ossigeno. Non si ritirò, ma le lastre del giorno successivo evidenziarono una bronchite che forse la stessa Bouchard sperava di aver curato in tempo per il torneo di Miami ma che potrebbe essersi invece ripresentato e per non correre altri rischi a livello di salute ha deciso di fermarsi e curarsi a pieno.

È un’ipotesi, questa, per evitare di lanciarsi in speculazioni che al momento sembrano inevitabili considerato anche il periodo molto negativo che stava da tempo attraversando. Malgrado tutto, Bouchard non sembrava intenzionata a prendersi una pausa dal tennis, neanche quando lo scorso anno era scivolata fino alla soglia della top-200. Non è stato probabilmente la sua priorità assoluta negli ultimi tempi, immersa in varie attività collaterali che hanno spezzettato le sue recenti stagioni, ma è anche vero che ha spesso dovuto convivere con infortuni e dalla scorsa estate aveva messo assieme qualche risultato di secondo piano che l’aveva riportata in top-100, con un inizio di 2019 abbastanza positivo. Oltretutto, poco prima di Indian Wells, dava appuntamento ai suoi fan in Messico per il torneo di Monterrey, un paio di settimane circa prima dell’inizio dell’evento stesso. Adesso, senza ancora vere prove se non il fatto che non risulta segnata (sempre secondo Myles) in alcun torneo fino a Roma, ultimo evento in ordine temporale ad aver annunciato le partecipanti al via, si possono fare solo delle supposizioni.

Un’ipotesi, al momento, è che se non dovesse succedere nulla prima di una decina di giorni, quando uscirà l’entry list del Roland Garros, quello potrebbe rappresentare un primo segnale vero: rispetto allo scorso anno, Bouchard ha classifica, e avrà classifica, per competere nel tabellone principale e l’iscrizione è obbligatoria per tutte a meno che non ci siano infortuni o altri problemi. In caso di assenza anche lì, si potrebbe avere un’idea più chiara di cosa stia succedendo.