Federer: “Mi sento molto bene e sono contento per Thiem”

Una partita molto dura. Ci parli di come hai vinto il secondo set?
La chiave è stata il terzo game, lui ha lottato benissimo e poi è riuscito a fare il break, forse approfittando un po’ del fatto che ero contro vento. Sono stati cinque minuti fondamentali. Lì ho fatto degli errori, non ho servito bene ma lui è stato molto bravo.

Nel terzo set, sul 5-5, hai giocato due dropshots, cosa stavi pensando allora? Qual era il piano?
Volevo vincere il punto, e non l’ho fatto. Quindi le cose non sono andate a modo mio. Ha giocato bene, semplice. Non so cosa dirti di più.

Hai perso le ultime due finali qui, pensi sia un problema di dettagli?
Sì, penso di sì. È difficile individuare esattamente cosa è andato storto. Non mi sembra di aver giocato male, ho avuto le mie possibilità. Sul 3-4 un dritto facile poteva portarmi 0-40 e ho scelto la parte sbaglaita dove giocarlo. È stata questa la differenza? Può essere, ma non sono troppo deluso, mi sono imbattuto in qualcuno che ha giocato un po ‘meglio quando contava davvero. È così che va. Certo, è frustrante, deludente e triste, ma fino a un certo punto. Sono stato in queste situazioni così tante volte…

Le sconfitte fanno male di più adesso o meno? Questa è arrivata così presto dopo tutte le celebrazioni per il centesimo titolo.
Non sono deluso, forse perché mi sembra di giocare un buon tennis, come in Australia. Sento che ci sono, il mio gioco c’è, il corpo risponde.Quando mi sento così la prendo più. Non so come spiegarlo, ma non è così drammatico. Quando non stai bene invece le cose sono difficili e, sai, forse sono quelle le sconfitte che feriscono di più. Ma non ne sono sicuro. Comunque sono molto felice per Dominic, per il suo primo Masters 1000. È un evento enorme da vincere. Io ho appena vinto il mio centesimo titolo a Dubai,  ho avuto una buona settimana qui. Davvero, non c’è motivo di essere troppo delusi. Inoltre, c’è molto da aspettarsi a Miami. Insomma le cose vanno bene per me. Semplicemente oggi è andata così.

Hai giocato e viaggiato molto nelle ultime due settimane, andrai anche a Miami?
, vado domani. Il corpo è perfettamente a posto. Ho giocato ogni singolo giorno per le ultime tre settimane. Posso essere molto felice e orgoglioso di questo fatto.