Clamoroso: Naomi Osaka e Sascha Bajin si separano

Un tweet, poche parole: “Ciao a tutti, non lavorerò più con Sascha [BAJIN]. Lo ringrazio per il lavoro fatto e gli auguro il meglio per il futuro”. Account: Naomi Osaka. Destinatari: i suoi followers.

Finisce così, all’improvviso, una relazione durata 15 mesi e conclusasi con la giapponese sul tetto del circuito WTA dopo 2 tornei Slam vinti consecutivamente ed essere diventata numero 1 del tennis femminile proprio dopo l’ultima finale vinta, all’Australian Open.

Una notizia che sa di shock vero, perché in tutto il periodo non c’era stato alcun segnale che i due fossero vicini a un fine percorso, come sembra indicare questo messaggio. Più volte Sascha aveva ribadito quanto ci fosse l’intenzione di entrambi di continuare a lavorare assieme per raggiungere nuovi traguardi in futuro. Lo stesso Bajin che a inizio 2019 è stato premiato dalla WTA col titolo di miglior coach del 2018.

La risposta di lui al messaggio: “Grazie a te Naomi, ti auguro nient’altro che il meglio. Che bella avventura è stata. Grazie per avermi reso parte di questo”.

Aggiornamenti: in un articolo pubblicato su afp.com il portale giapponese Nikkan Sport cita alcuni momenti durante l’ultimo Australian Open in cui sembrava che qualcosa nel rapporto tra i due fosse cambiato.

Gli allenamenti erano piuttosto ridotti, duravano alle volte non più di 15 minuti, mentre in altre circostanze lei sembra si sia allenata senza Bajin in campo. Noi di Oktennis a Brisbane non avevamo notato nulla di anomalo: Osaka faceva riscaldamento appena fuori dalla sala stampa prima di andare in campo per l’allenamento e Sascha era sempre con lei a supervisionare la situazione, ma di più di quei 5-10 minuti non vedevamo. A quel punto l’unico momento che viene in mente è la giornata da inferno del venerdì della seconda settimana dell’Australian Open quando, con 46 gradi, Osaka venne ripresa dall’account Twitter del torneo per un video-live di lei in allenamento. Provammo a raggiungere il campo, ma al nostro arrivo non c’era nessuno. Vista l’alta temperatura, anche lì non sembrava nulla di anomalo che magari avesse provato a colpire qualche palla salvo fermarsi per l’eccessivo clima.

Infine, un paio di annotazioni che all’inizio sembravano piuttosto banali, ma che ora potrebbero essere letti in una chiave diversa. Per prima cosa, la giapponese in una foto caricata sul proprio profilo Instagram per ringraziare i protagonisti del “dietro le quinte” del suo titolo a Melbourne, ha riservato un ruolo abbastanza marginale a Bajin, tutto il contrario di quanto fatto a New York.

View this post on Instagram

Hey so I know I’ve been posting a lot 😖 sorry but real quick I want to thank everyone around me, because during the ceremony I was too nervous and I didn’t wanna talk for too long lol. Trust me this is super long hahaha feel free to disregard 😫. Firstly thank you Kristy this is our first grand slam together, 2nd overall. I haven’t known you for a long time but I already wonder what I would do without you, I don’t think I could’ve held my sanity together without you lol thank you ❤️. Thank you Abdul for always pushing me to be a better version of myself and also I don’t think I could’ve played all those three sets without you hahahahaha. Thank you Stu for being the best agent ever and also lowkey therapist sometimes 😂. Thank you Sash for hitting with me for these past 2 weeks. Thank you Carly for texting me jokes that were super lame 😫. Thank you Yoshikawa-san and Toshi for all the support. Thank you MJ for always helping me with everything. Thank you Shimokura-san and Sakai for always smiling, literally 😁😂. Lastly, thank you dad for teaching me the values in life. I’ve been surrounded by such awesome people this trip and I’m really grateful for it. Love you guys 😭❤️ (okay I’ll stop posting for a while now haha)

A post shared by Naomi Osaka 大坂なおみ (@naomiosakatennis) on

Nel lungo messaggio, la prima persona a essere ringraziata è “Kristy”. Poi Abdul (Sillah), il preparatore. “Stu”, il manager. E poi “Sash”, Sascha: “thank you for hitting with me for these past 2 weeks”. All’inizio, conoscendo il suo carattere e il loro rapporto fino al termine del 2018, poteva sembrare una maniera scherzosa per rendergli riconoscenza. Soprattutto il termine “hitting”, come se lui avesse recitato un ruolo minore dell’allenatore.

Il secondo caso è quando lei, nella conferenza stampa pre-finale, alla domanda su quali fossero i discorsi tra lei e Sascha pre-match lei rispose abbastanza imbarazzata che a essere sinceri non si parlavano più di tanto, lui diceva qualcosa e lei rispondeva “ok”. Anche qui, in un’ottica di un atleta che pochi minuti prima di andare in campo vuole cercare il massimo della concentrazione era una frase che poteva anche spegnersi lì. Adesso viene quasi spontaneo leggerla sotto un’altra luce.

(aggiornamenti a breve)