ATP Auckland: Fognini disastro, prima delusione dell’anno

Ci risiamo…la stagione deve ancora iniziare e già siamo costretti alla solita retorica su Fabio Fognini che, nella notte, ha buttato via la ghiotta occasione di portarsi nelle fasi finali del torneo di Auckland. Dopo l’eliminazione, un po’ a sorpresa, di John Isner, l’italiano era, infatti, diventato il favorito, in un tabellone veramente scarno di grattacapi. Con Fognini, però, si sa, nulla è come sembra, tant’è che Philipp Kohlschreiber ha impiegato poco più di un’ora per liberarsi di lui in due nettissimi set. Chiariamo, il tedesco non è certo uno né sprovveduto, né l’ultimo arrivato, ma da qui a farsi schiacciare ce ne passa.

Fabio “lotta”…circa…per i primi quattro game del set d’apertura, nei quali, è vero, subisce un break, ma va vicinissimo a riprenderselo, avendo immediatamente due palle del controbreak. Kohlschreiber sapientemente le annulla e, pur mancando tre palle game, alla fine allunga il distacco, costringendo Fognini ad una rincorsa che non gli riuscirà mai, anzi, lo vedrà perdere di nuovo la battuta, e con essa il parziale, nel nono gioco.

Da qui, il nulla. Fognini si spegne letteralmente, facendosi brekkare a zero ad inizio secondo set dal suo avversario, che, senza patemi, stavolta, consolida il vantaggio. A poco serve l’unico game vinto dall’italiano, in cui comunque il tedesco ha avuto palla break, perché dopo di esso, Kohlschreiber fa un filotto di tre e chiude i conti. Fabio saluta, mestamente, un torneo che avrebbe potuto vincere, senza nemmeno, di fatto, giocarlo…non vi suonano nuove queste parole, vero?

 

Quarti di finale

[WC] C. Norrie b. T. Fritz 7-6(3) 6-3
[4] P. Carreno Busta vs J.L. Struff
T. Sandgren b. L Mayer 6-3 7-6 (5)
P. Kohlschreiber b. [2] F. Fognini