WTA Tianjin: Bacsinszky, primi quarti di finale dopo 16 mesi. Bene Garcia

La terza vita sportiva di Timea Bacsinszky è partita. La svizzera, ex numero 9 del mondo appena due anni fa, era scivolata attorno al numero 760 del ranking WTA dopo che le erano scaduti i punti della semifinale del Roland Garros 2017 e il terzo turno di Wimbledon di un mese dopo, a causa soprattutto di un anno infernale dove ha vissuto tra diversi infortuni di cui uno, al polso, molto grave.

Quando vinceva il titolo di doppio a San Pietroburgo, in coppia con Vera Zvonareva, raccontava che se non fosse stato per un chirurgo che è intervenuto un anno fa per curarle il problema, avrebbe forse potuto perdere le funzionalità della mano. Non è la prima volta, come dicevamo, che Bacsinszky si ritrova a dover rientrare dai bassifondi del ranking in posizioni che, abbiamo visto, le competono molto di più.

A Tianjin Timea sta trovando le prime vere gioie nel circuito maggiore dopo tanti mesi complicati dove ha provato a giocare qualche torneo ma non riuscendo mai a superare il primo turno (San Pietroburgo, Indian Wells, Miami, Pechino). Col successo di oggi contro Misaki Doi, 1-6 6-3 7-5, la svizzera torna tra le migliori 8 di un torneo del circuito maggiore dopo 16 mesi, avendo la meglio in un terzo set molto equilibrato, dove i suoi due tentativi di fuga iniziali sono stati stoppati dalla giapponese, che però sul 5-5 ha ceduto per la terza e definitiva circostanza la battuta. Grazie a questo risultato, Bacsinszky risalirà fino al numero 273 del mondo e domani si appresta alla sfida più delicata dal giorno del rientro perché di fronte avrà Aryna Sabalenka, una delle più in forma in assoluto nell’ultimo periodo.

Risultati odierni

K. Boulter b. [Q] B. Krejcikova 6-3 1-6 6-3
[PR] T. Bacsinszky b. [Q] M. Doi 1-6 3 7-5
[4] E. Mertens vs [Q] J. Cepelova
[2] C. Garcia b. Y. Zhang 6-3 6-4