ATP Cincinnati: Cecchinato subito fuori, Mannarino lo sconfigge all’esordio

A. Mannarino b. M. Cecchinato 6-7(7) 6-2 7-6(7)

Marco Cecchinato lotta e vince il primo set, scompare nel secondo e nel terzo perde il braccio di ferro. Il torneo di Cincinnati lo respinge, ma è il cemento ad essergli indigesto. Il tennista palermitano rende solo sull’amata terra rossa. Dopo il torneo vinto da lucky loser a Budapest e la storica semifinale al Roland Garros sempre fuori al primo turno. Tranne ovviamente, nella parentesi tra erba e cemento, a Umago; torneo che si gioca su terra rossa chiaramente.

Neanche stavolta quindi il tennista azzurro è andato vicino alla prima vittoria in carriera, a livello ATP e in un tabellone principale, sulla sua criptonite, il duro e veloce cemento. Il match si era messo bene a dire il vero, nel primo set Cecchinato era stato l’unico a vedere palla break, due entrambe annullate, ma nel tie-break che decideva il parziale riusciva a beffare l’avversario per nove punti a sette.

Nel secondo staccava un attimo la spina e Mannarino allungava in modo disarmante, due break di scarto e incontro rimesso in equilibrio in una trentina di minuti. Nel terzo il rammarico più grande di Cecchinato che nel quarto gioco falliva 4 opportunità di break, prima lasciando che il francese salvasse lo 0-40 e poi facendosi annullare l’ulteriore palla break ai vantaggi. Il set seguiva dunque l’andamento dei servizi sino ad un ulteriore tie-break. Una volta ancora Cecchinato aveva un’ottima chance sotto forma di palla match sul 6-5 in suo favore, ma servizio dell’avversario. Occasione che sfumava via, come anche la prima vittoria sul cemento di Cecchinato ad un solo quindici dalla meta.