Future Bergamo, azzurri in difficoltà nelle qualificazioni

di Andrea Fecchinetti

Non reggono l’urto del primo turno nel tabellone principale gli azzurri che coraggiosamente hanno affrontato e superato nello scorso fine settimane le forche caudine delle qualificazioni nel future di Bergamo, “Trofeo Azimut”, in programma sulla terra battuta del Tennis Club Città dei Mille e dotato di un montepremi di 15000$. Luca prevosto e Tommaso Roggero hanno infatti opposto poca resistenza ai rispettivi avversari. Il torinese si è arreso al settimo favorito, il lettone Martins Podzus, per 7/6(1), 6/3, reggendo il ritmo solamente nel primo set, mentre il sanremese ha incassato un 6/4, 6/1 dal tedesco Marvin Netuschil.

Oggi il programma prevede il completamento dei match di primo turno che ha visto impegnati complessivamente diciotto azzurri: fra questi c’è anche Riccardo Bellotti, sceso al numero 550 del mondo a causa di un brutto infortunio al ginocchio e rientrato da poche settimane sul circuito, tanto da vincere domenica scorsa a Padova.

Il trentino, in passato salito fino al numero 199 Atp, comincia la sua avventura contro il tedesco Adrian Obert in un torneo che potrebbe regalargli il numero record di 30 titoli: nessun professionista nella storia ha mai raggiunto questo numero a livello di futures. Da tenere d’occhio ci sono anche i milanesi Fabrizio Ornago e Alessandro Petrone, prime due teste di serie del tabellone, che aprono contro il qualificato Jacopo Stefanini e il romeno Vasile Antonescu.