Cecchinato: “Lavorerò per arrivare in top10”

Hai giocato un grande torneo, alla gente hai ricordato Guga Kuerten, che come te è arrivato a giocare qui direttamente dai Challenger. Ti sei sentito a casa durante questo Roland Garros?
È stato un torneo speciale per me, ho giocato due set allo stesso livello di Dominic, che penso sia il secondo o il terzo del mondo sulla terra rossa. Il mio livello è molto buono in questo momento e sono molto felice di questo mio Roland Garros.

È stato più complicato giocare contro un giocatore che ha il rovescio ad una mano?
Sì, è difficile. Penso che il rovescio di Dominic sia uno dei rovesci migliori del mondo.

Il kick di Thiem è stato micidiale, soprattutto nel secondo set point del tiebreak.
È uno dei suoi punti di forza.

È stato frustrante per te non vincere il secondo set? È sembrato che tu potessi girare il match a tuo favore.
Sì, se avessi vinto il secondo set penso che il terzo sarebbe andato in modo completamente diverso. Ma dopo aver perso sono molto calato mentalmente e fisicamente. Ho giocato così tanti match, è normale.

Sei arrivato alla semifinale del Roland Garros. Cosa devi fare per mantenere questo standard? 
Per me la semifinale al Roland Garros è qualcosa di speciale. Oggi è stato importante per me, perché ho giocato contro Dominic. Ho bisogno di maggior lavoro per arrivare tra i top20 o tra i top10, così per me un match come quello di oggi è importante. Parlerò col mio team e vedrò cosa serve per arrivare tra i top20.

Qual è la miglior immagine che porterai con te da questo Roland Garros?
Oggi penso, con tutta quella gente sullo Chatrier che gridava “Forza Marco!” ad ogni punto. Credo che sia questo il miglior momento: contro un top10 come Dominic e tutta la gente che tifava per me.

Qual è il tuo pensiero più positivo?
Che sarà tra i primi 30 del mondo, insieme a tutti i più forti, è sempre stato il sogno della mia carriera

Pensi che Dominic possa vincere la finale se gioca come ha giocato contro di te?
Certo, penso che sia possibile che vinca il Roland Garros contro Rafa o del Potro. Non so chi vincerà ma ha i colpi per battere sia Rafa che del Potro.

Puoi dirci il segreto del tuo drop-shot?
È il mio segreto…

Credi che avrai un particolare benvenuto in Italia?
Specialmente a Palermo…

Queste ultime settimane e specialmente il Roland Garros credi che abbiano dimostrato che tu possa competere con i migliori giocatori del mondo ogni settimana?
Sì credo che sia possibile competere ogni giorno, perché ogni giorno io ho sempre giocato meglio, contro top10, top20 e top30. Così penso che posso arrivare tra i top20.