Bufera all’ATP di New York: Young accusa Harrison di razzismo

“È così che voi neri vi comportate”. Queste sarebbero le parole che Ryan Harrison ha rivolto, in un cambio di campo molto animato, contro il connazionale Donald Young. L’episodio è avvenuto all’ATP 250 di New York, torneo-novità del calendario maschile 2018.

Su Twitter circola un video dell’episodio ma a causa della scarsa qualità dell’audio non si capisce bene che cosa realmente Harrison stia dicendo

A dare un’indicazione ci ha pensato Valentina Lee, fidanzata di Young, che ha scritto il virgolettato della frase di Harrison: “È così che voi neri vi comportate”. L’esternazione sarebbe partita da un “come on” detto da Young. La stessa Lee, inoltre, ha subito detto che l’ATP a fine match ha parlato con entrambi i giocatori per cercare di smorzare sul nascere ogni vicenda e di nascondere l’accaduto.

Lee ha poi aggiunto che Young vorrebbe fare qualcosa per provare quanto successo ma ha paura che l’ATP possa fare qualcosa per farlo passare come il cattivo della situazione, “come sempre”.

A seguito di tutti questi messaggi, sono arrivate anche le parole di Young: “Sono shockato e dispiaciuto, Ryan Harrison, per averti sentito dire verso di me cosa veramente pensi di me come tennista di colore nel bel mezzo della nostra partita a New York. Credevo che questo fosse uno sport per gentiluomini”.

Non è riportato il virgolettato che la sua fidanzata ha scritto in precedenza mentre poco più tardi c’è stata la replica di Harrison:

“Le accuse fatte da Donald Young stasera a seguito del nostro match sono assolutamente false. Sono estremamente dispiaciuto che qualcuno possa dire questo come reazione a una partita di tennis persa. Ogni video/audio renderà chiaro al 100% che non ho fatto questo e incoraggio chiunque ne abbia la possibilità a trovarlo”.