Anche la giungla non fa per Bernard Tomic. L’eterno indolente australiano, dopo essere stato eliminato dalle qualificazioni degli Australian Open, aveva annunciato di voler partecipare al reality australiano “I’m A Celebrity… Get Me Out Of Here!”, ambientato nella giungla del Sud Africa. Ma dopo due soli giorni di programma, e dopo svariate vicissitudini, ha deciso di abbandonare la compagnia.

Il 25enne, attualmente numero 168 del mondo, aveva confessato di voler partecipare al reality per ritrovare se stesso. Ma in breve tempo, dopo essere stato morso ben cinque volte da un serpente (non velenoso) ed essere stato sospeso sopra un canyon con degli occhiali speciali, Bernard ha gettato la spugna e ha alzato bandiera bianca.

“Sono depresso. Penso che venire qui sia stata una mossa sbagliata, l’ho pensato non appena sono arrivato al campo. Mi stavo deprimendo e più tempo passavo lì, più aumentava la mia depressione” ha ammesso a giochi conclusi. “Non ho mai davvero avuto tempo per riflettere, avevo sempre della gente intorno. Non volevo spendere la metà del mio tempo a deprimermi qui, pensando a come ho giocato l’anno scorso e dove dovrei essere”.

Qualcosa sembra aver fatto click nella sua testa, tanto da spingerlo a voler tornare ad allenarsi subito. “Penso sia stato un errore restare sempre così isolato nella mia carriera, così individualista. Penso di aver gettato via l’ultimo anno a causa delle mie scelte e di non aver giocato molto a tennis. Devo comportarmi da uomo e tornare ad allenarmi”. Insomma, la dura vita della giungla sembra aver fatto capire a Tomic che la vita del tennista non è poi così malaccio, chissà se servirà a farli mettere la testa a posto e a concentrarsi davvero sul tennis.