Wawrinka: “Spero di giocare gli Australian Open, deluso dall’addio di Norman”

Nessun ritiro e nessun colpo di scena, la conferenza stampa di Stan Wawrinka avvenuta quest’oggi a Ginevra non scuote il tennis come qualcuno aveva ipotizzato. Si era parlato di un possibile annuncio di addio invece il giocatore di Losanna ha subito messo le cose in chiaro: “Sto preparando la nuova stagione e spero di giocare già in Australia, mi alleno sei giorni su sette anche se il mio tennis è ancora un po’ indietro”.

Stan è fermo ormai da luglio, il suo ultimo match coincide con la sconfitta al primo turno di Wimbledon contro il russo Medvedev, ma i problemi fisici erano presenti già da qualche tempo: “Era da un anno, dagli Swiss Indoors di Basilea del 2016, che avevo problemi al ginocchio. L’unico rammarico che ho è quello di non essermi fermato prima della stagione sull’erba, questo ha peggiorato la situazione. Al momento la mia priorità è recuperare bene dalle operazioni. Il mio ginocchio è un po’ rigido”.

Nel frattempo la sua collaborazione con Magnus Norman è terminata e Wawrinka non nasconde il rammarico: “Sono deluso, la tempistica dell’addio di Magnus mi ha scioccato. Per il momento resta al mio fianco Yannick Fattebert. Un coach servirà sul lungo termine, per i prossimi 3-4 anni. Paul Annacone potrebbe essere una soluzione, dopo che abbiamo collaborato per la stagione sull’erba”. Infine l’elvetico ha ammesso quanto sia stato difficile il periodo di convalescenza: “Andare in giro con le stampelle è stata dura, ma la pausa mi ha permesso di scaricarmi mentalmente dopo anni in cui ero perennemente al limite”.