Challenger e ITF: Paolini e Rubini, il rosa avanza

Jasmine Paolini trionfa a Marsiglia, la wild card Stefania Rubini arriva in semifinale a Brescia. Julian Ocleppo e Andrea Vavassori vincono in doppio a Padova. Gli altri italiani e gli appuntamenti della settimana.

Stefania Rubini - foto GAME

Jasmine Paolini e Stefania Rubini sono state le due primattrici italiane della settimana. La prima ha trionfato a Marsiglia, la seconda è arrivata in semifinale a Brescia partendo dalle qualificazioni. In campo maschile quattro quarti di finale: con Edoardo Eremin e Matteo Viola a Padova, dove nel doppio hanno vinto Julian Ocleppo ed Andrea Vavassori, Riccardo Bonadio in Tunisia ed Erik Crepaldi in Bosnia.

Nell’ITF di Marsiglia ($100.000/terra/Francia), Jasmine Paolini (200) ha colto un successo di prestigio, piegando in finale (6-4 2-6 6-1) la tedesca ex numero 62 WTA Tatjana Maria (102/1). Per la ventunenne toscana, che ha incamerato il quinto titolo ITF (e il più prestigioso), c’è il best ranking (130).

Le vittorie di Paolini: (6-2 7-5) sulla statunitense Taylor Townsend (121/4), (6-3 6-3) sulla francese Sara Cakarevic (510/wild card), (6-2 6-3) sull’ucraina Anhelina Kalinina (273/ranking speciale) e (6-0 6-1) sull’ungherese Dalma Galfi (154/8) in semifinale.

Nell’ITF di Brescia ($60.000/terra), Stefania Rubini (1049/wild card) si è spinta fino in semifinale, dove si è arresa alla slovena ex numero 35 WTA Polona Hercog (205/7) che avrebbe poi vinto il torneo. Per la ventiquattrenne emiliana un salto di quasi 500 posti nel ranking (564), il suo best ranking (467) del 2015 dista un centinaio di posizioni.

Le vittorie di Rubini: (6-1 3-1 rit. ) sulla svizzera Jil Teichmann (152/2), (6-4 7-6) sulla russa Viktoria Kamenskaya (209) e (6-2 6-3) sull’argentina Catalina Pella (315) nei quarti di finale.

Sono arrivate nei quarti di finali Martina Caregaro (416/qualificata) e Cristiana Ferrando (382): la prima ha battuto (3-6 6-3 6-1) la svizzera Conny Perrin (206/8), la seconda ha estromesso (7-6 rit.) l’austriaca Barbara Haas (161/3).

Eliminate al primo turno le altre azzurre: Georgia Brescia (246), Deborah Chiesa (478/qualificata), Camilla Rosatello (306), Camilla Scala (401/wild card), Lucrezia Stefanini (585/wild card) ko (1-6 6-7) contro Hercog, Beatrice Torelli (wild card/801) e Martina Trevisan (221).

Negli altri tornei femminili, quarti di finale per la wild card Sara Errani (91/5) nel Wta ($125.000/terra) di Bol ($115.000/terra/Croazia), per Gaia Sanesi (667/6) a Madrid ($15.000/terra/Spagna) e per Verena Hofer (919) ad Hammamet ($15.000/terra/Tunisia) dove Giorgia Marchetti (574/4) ha superato un turno battendo (6-1 6-4) Maria Vittoria Viviani (senza ranking/qualificata).

In Spagna, Sanesi ha trionfato nel doppio in coppia con la belga Michaela Boev. Per la venticinquenne toscana è l’ottavo titolo ITF in singolare.

Un turno superato anche da Jessica Pieri (307/6) e da Anastasja Grymalska (343/7) a Stare Splavy ($25.000/terra/Repubblica Ceca). Sono state eliminate all’esordio Giulia Gatto Monticone (277/5) a Figueira Da Foz ($25.000+H/cemento/Portogallo), Claudia Giovine (425) a Essen ($25.000/terra/Germania) e Federica Prati (821) a Banja Luka ($15.000/terra/Bosnia Erzegovina).

In campo maschile, i migliori risultati azzurri sono stati quattro quarti di finale ITF: Edoardo Eremin e Matteo Viola a Padova ($15.000/terra/F16), Riccardo Bonadio (437/6) ad Hammamet ($15.000/terra/F22 Tunisia) ed Erik Crepaldi (549/7) a Kiseljak ($15.000/terra/F3 Bosnia Erzegovina).

A Padova, Edoardo Eremin (383/qualificato) ha battuto altri due qualificati azzurri: (6-2 6-0 e 6-7 6-1 6-0) Corrado Summaria (1050) e Luca Prevosto (1259). Quest’ultimo ha estromesso (6-1 5-7 6-4) al primo turno l’ex Top-50 ATP spagnolo Ruben Ramirez Hidalgo (168/1).

Con il citato Prevosto, out al secondo turno: Andrea Basso (494) ko (4-6 3-6) contro il finalista brasiliano Orlando Luz (493), Jacopo Stefanini (617) e Andrea Vavassori (594) ko (0-6 4-6) contro il futuro vincitore argentino Andrea Collarini (304/3).

Con il citato Summaria, fuori al primo turno: Marco Bortolotti (438), Flavio Cipolla (senza ranking/qualificato), Gianluca Di Nicola (673), Giacomo Giunta (senza ranking/qualificato), Marco Miceli (1535/qualificato), Julian Ocleppo (604/wild card) che si è ritirato (4-6 1-3) contro Viola e Francesco Vilardo (622).

Nel torneo di doppio successo italiano con la coppia Ocleppo/Vavassori e semifinale per Miceli con Andrea Guerrieri. Per il diciannovenne figlio d’arte è il terzo titolo ITF (doppio), per il ventiduenne piemontese è il settimo: per entrambi è il primo dell’anno.

In Tunisia, oltre al quartofinalista Bonadio (437/6) che ha colto anche la semifinale in doppio icon Riccardo Sinicropi, ha superato un turno Nicola Ghedin (681), mentre hanno perso al debutto Gianluca Acquaroli 2046/qualificato), Cristian Carli (726), Omar Giacalone (477/8) e Luca Pancaldi (695).

Esordio amaro anche per Davide Albertoni (senza ranking/qualificato) a Kiryat Shmona ($15.000/cemento/F9 Israele), per Raul Brancaccio (678) a Huelva ($25.000/terra/F16 Spagna), per Pietro Rondoni (961/qualificato) a Istanbul ($15.000/terra/F22 Turchia) e per Lorenzo Giustino (175) nel Challenger di Prosetjov (€127.000+H/terra/Repubblica Ceca).

Tutti gli azzurri impegnati in questa settimana con tre appuntamenti in Italia: il Challenger di Caltanissetta, l’ITF maschile a Bergamo e quello femminile a Padova.

Caltanissetta (€127.000+H/terra):
Andrea Arnabldi, Matteo Berrettini (qualificato), Riccardo Bellotti, Simone Bolelli (wild card), Salvatore Caruso, Marco Cecchinato (3), Federico Gaio, Alessandro Giannessi (7), Paolo Lorenzi (wild card/1), Gianluca Mager (wild card), Stefano Travaglia.

Bergamo ($15.000/terra/F17):
Filippo Baldi (wild card), Andrea Basso, Alessandro Bega (2), Marco Bortolotti (5), Giovanni Fonio (qualificato), Lorenzo Frigerio (4), Nicola Ghedin, Gregorio Lulli (qualificato), Roberto Marcora (ranking protetto), Marco Miceli (wild card), Filippo Mora (qualificato), Andrea Pellegrini, Luca Prevosto (wild card), Jacopo Stefanini, Walter Trusendi (3), Nicolo Turchetti (qualificato), Andrea Vavassori, Adelchi Virgili, Augusto Virgili (wild card).

Padova ($25.000/terra):
Lucia Bronzetti (wild card), Martina Caregaro (qualificata), Martina Di Giuseppe, Cristiana Ferrando, Anastasia Grymalska, Alice Matteucci (wild card), Verena Meliss (wild card), Jessica Pieri,

Challenger Nottingham ($127.000+H/erba/Gran Bretagna):
Thomas Fabbiano (4), Luca Vanni (7).

Challenger Lione (€64.000+H/terra/Francia):
Lorenzo Giustino.

Challenger Lisbona (€43.000+H/terra/Portogallo):
Matteo Donati, Gianluigi Quinzi.

ITF maschile Arad (15.000/terra/F3 Romania):
Fabrizio Ornago, Alessandro Petrone, Francesco Vilardo.

ITF maschile Martos ($15.000/cemento/F17 Spagna):
Raul Brancaccio, Erik Crepaldi (8), Julian Ocleppo, Giorgio Ricca.

ITF maschile Hammamet ($15.000/terra/F23 Tunisia):
Francesco Bessire (qualificato), Davide Innocenti (qualificato).

ITF maschile Kiryat Shmona ($15.000/cemento/F10 Israele):
Davide Albertoni (qualificato).

ITF femminile Manchester ($100.000/erba/Gran Bretagna):
Jasmine Paolini.

ITF femminile Hammamet ($15.000/terra/Tunisia):
Verena Hofer, Anna Turati, Bianca Turati (6)

ITF femminile Guimaraes ($15.000/terra/Portogallo):
Claudia Franze, Maria Masini.

ITF femminile Maribor ($15.000/terra/Slovenia):
Giulia Pairone (qualificata), Federica Prati, Camilla Scala (2), Lucrezia Stefanini (5).