Wta Auckland: caporetto azzurra, ko Vinci e Knapp

Di Diego Barbiani.

AUCKLAND. Parte in modo grigio il 2014 per Roberta Vinci e Karin Knapp al Wta International di Auckland, in Nuova Zelanda. Entrambe le due azzurre sono state eliminate al primo turno dopo partite molto equilibrate dalla croata Ana Konjuh (16 anni appena compiuti, n.259 del mondo, recente vincitrice degli US Open junior) e dalla più esperta Julia Goerges.

Come lo scorso anno, Roberta Vinci stecca l’esordio stagionale. Lo scorso anno fu contro l’australiana Jarmila Gajdosova, quest anno contro una giocatrice del tutto sconosciuta: la giovanissima Konjuh era alla prima apparizione assoluta in un tabellone principale di un torneo Wta grazie ad una wild-card che gli organizzatori le hanno riservato. Dopo aver vinto il primo parziale per 6-3, l’azzurra si è fatta risucchiare dal gioco della sua avversaria e dalle folate di vento che hanno reso complicata tutta la giornata nella cittadina neozelandese.

E’ stata tanta la pressione del gioco della croata, che nonostante dieci doppi falli sapeva bilanciare questo fattore con una grande aggressività in risposta. Nel secondo set sono stati tantissimi i break da ambo i lati, con la croata capace di issarsi fino al 5-1 prima di subire una rimonta rimasta però incompleta, perché il parziale è terminato 6-4. Il terzo set è stato invece in grande equilibrio fino al 2-2 per Konjuh, quando la giovanissima sfidante ha cambiato marcia ed ha inanellato quattro giochi consecutivi per il 3-6 6-4 6-2 con cui sorprendentemente ha ottenuto il pass per il secondo turno.

A fine match si conteranno quattordici palle break avute a disposizione, di cui sette sono state capitalizzate. Passo dopo passo, Konjuh ha costruito la sua giornata d’oro, ed alla fine ha prevalso sulla più esperta avversaria. Per Roberta Vinci invece si tratta di un passo falso che deve essere metabolizzato quanto prima.

Karin Knapp invece ha lottato con le unghie e con i denti per non subire la stessa sorte contro la tedesca Goerges. Vinto il primo set per 6-4, l’azzurra ha continuato ad essere molto solida al servizio lasciando le briciole alla propria avversaria. Il problema per lei era che la stessa tedesca non era in vena di regali ed in controtendenza rispetto all’ultima stagione giocata era decisa a non mollare un centimetro di campo.

E’ uscita fuori una partita molto intensa ed equilibrata, con la tedesca che ha prevalso grazie anche a due tie-break vinti in maniera netta nel secondo e nel terzo set (4-6 7-6 7-6 il finale). Si chiude così il torneo anche per Knapp e con essa viene eliminata l’ultima rappresentate italiana.

Nelle altre partite, ha faticato un po’ Ana Ivanovic (n.2 del tabellone) per imporsi sulla statunitense Alison Riske, regolata alla fine con il punteggio di 7-5 7-6(2). Tutto ok anche per Kristen Flipkens, terza favorita del seeding, che soffre un po’ ma viene a capo della sfida contro Monica Puig per 6-4 7-5. Male invece Lucie Safarova (n.6), battuta da Ayumi Morita, Sorana Cirstea (n.4) sconfitta dalla qualificata canadese Sharon Fichman, e Yanina Wickmayer (ex campionessa del torneo) sconfitta dalla ceca Krystina Pliskova. L’altra giapponese, Sachie Ishizu, ha avuto la meglio su Anett Kontaveit ed infine Lauren Davis si è imposta sulla beniamina del pubblico Marina Erakovic.

Tutti i risultati:

(wc) A. Konjuh b. (1) R. Vinci 3-6 6-4 6-2

(2) A. Ivanovic b. A. Riski 7-5 7-6(2)

(3) K. Flipkens b. M. Puig 6-4 7-5

(q) S. Fichman b. (4) S. Cirstea 6-1 6-4

A. Morita b. (6) L. Safarova 7-6(2) 6-3

J. Goerges b. (8) K. Knapp 4-6 7-6(2) 7-6(3)

L. Davies b. M. Erakovic 6-1 6-4

S. Ishizu b. A. Kontaveit 6-3 1-6 6-3

K. Plyskova b. Y. Wickmayer 7-6(3) 6-0