Race to Istanbul: Kerber in pole per l'ultimo posto

Serena Williams, Victoria Azarenka, Maria Sharapova e Agneszka Radwanska, ovvero le prime quattro giocatrici del mondo, hanno già un posto prenotato per i Wta Champioships di Istanbul (22-27 ottobre). Gli altri quattro posti sono ancora da assegnare, anche se ovviamente ci sono delle candidate in pole: in primis la numero 5 e la numero 6 della race, ovvero Na Li e Sara Errani, che mantengono un certo vantaggio sulle inseguitrici ed hanno già un piede in Turchia.

 

Dietro di loro Petra Kvitova con l’exploit di Tokyo ha compiuto un decisivo passo verso Istanbul, arrivando a tallonare la giocatrice azzurra.
Grazie alla finale del Toray Pan Pacific Open, si riporta prepotentemente in corsa Angelique Kerber, che scavalca ben quattro giocatrici e si porta all’ottavo posto.

Ma per l’ultimo posto sarà probabilmente bagarre fino all’ultimo, visto che dietro la tedesca ci sono ben quattrotenniste lontane cento punti e racchiuse in altrettanti punti. Eliminando dalla corsa Marion Bartoli, al nono posto ma ormai ex giocatrice, troviamo Jelena Jankovic, che fino alla settimana scorsa occupava l’ultimo posto utile e ora è al numero 10 con 3.160 punti.
Poi Sloane Stephens e Roberta Vinci, che dopo la prematura uscita di scena dal torneo giapponese sono scivolate all’undicesima e alla dodicesima posizione.
Infine Caroline Wozniacki, che nonostante la semifinale di Tokyo resta al tredicesimo posto ma si porta 205 punti dall’ottava piazza (3.050) superando Sabine Lisicki, ormai quasi fuori dalla lotta.

I TORNEI RIMASTI
Il premier mandatory di Pechino, il torneo più importante da qui alla fine di stagione, sarà una grande occasione per tutte per incamerare punti: 1000 alla trionfatrice, 700 alla finalista e 450 alle semifinaliste. Chi riuscirà a sfruttare al meglio questo evento probabilmente metterà una seria ipoteca sulla qualificazione.
Altri punti utili potranno essere raggranellati ai tornei international di Linz e Lussemburgo (che assegnano 280 punti alla vincitrice, 200 alla finalista e 130 per chi arriva in semi), e soprattutto al premier di Mosca, che essendo a ridosso del master è spesso disertato dalle tennista già qualificate. Qui chi è ancora in bilico può puntare ad un bottino di 470 punti in caso di vittoria, 320 per la finale e 200 per le semifinali, contando anche su una concorrenza relativamente più debole.

Ecco tutti i punti ancora in palio, torneo per torneo:

Pechino (28 sett. – 6 ott.) 1000 (W) 700 (F) 450 (SF) 250 (Q) 140 (R16) 80 (R32) 50 (R64) 5 (R128)
Linz (7-13 ott.) 280 (W) 200 (F) 130 (SF) 70 (Q) 30 (R16) 15 (R32) 1 (R64)
Lussemburgo (14-20 ott.) 280 (W) 200 (F) 130 (SF) 70 (Q) 30 (R16) 15 (R32) 1 (R64)
Mosca (14-20 ott.) 470 (W) 320 (F) 200 (SF) 120 (Q) 60 (R16) 40 (R32) 1 (R64)

RACE TO ISTANBUL (aggiornata al 28 settembre)

1.Serena Williams 11.040 Q
2.Victoria Azarenka 7.671 Q
3.Maria Sharapova 5.891 Q
4.Agneszka Radwanska 5.440 Q

5.Na Li 4.950
6.Sara Errani 4.130
7.Petra Kvitova 3.920
8.Angelique Kerber 3.255

9.Marion Bartoli 3.172
10.Jelena Jankovic 3.160
11.Sloane Stephens 3.125
12.Roberta Vinci 3.110
13.Caroline Wozniacki 3.050

14.Sabine Lisicki 2.690